La scuola: luogo di apprendimento e crescita relazionale

Associazione Primola via Lippi Imola

26 settembre ore 20.30

Introdurremo il tema della scuola come luogo di apprendimento e di crescita relazionale introducendo possibilità e strumenti utili a renderla tale.

Conduce Ilina Montanari – Associazione Primola

Paternità

Un bravo padre …” dovrebbe proteggere l’unione speciale tra madre e bambino, alternarsi con lei  nelle cure primarie, tollerando poi di restarne estromesso, rintuzzando in se stesso i sentimenti di invidia e gelosia. Progressivamente, dovrebbe introdurre nella coppia fusionale di mamma e figlio il seme delicato del distacco e della separazione durante le varie tappe della crescita: l’addormentamento nel lettino, lo svezzamento, l’andata a scuola, l’incontro con i compagni e lo sport…. Nel contempo , dovrebbe attrarre la compagna, sedurla alla sessualità, reclamare anche per sé uno spazio di attenzione e affetti….”

“Il padre materno” S. Argentieri

Memorizzare

Sviluppare capacità e abilità di RICORDARE

– ripetere

– autointerrogarsi

– costruire modelli e schemi mentali

– fare collegamenti

– usare mnemotecniche  (rime,acronimi, categorizzazioni, associazioni fonetiche e visive)

FORMARE IMMAGINI MENTALI DEI TERMINI CONCRETI: individuare i termini concreti e tradurli in immagini mentali e grafiche

– Concretizzare

Come memorizzare….

Perché fare un contratto nella mediazione familiare?

Il contratto è elemento centrale e obiettivo del percorso di mediazione familiare la cui  funzione principale  è quella di andare a delimitare uno spazio in cui far gestire da un terzo, incaricato e riconosciuto, il conflitto esistente , poiché le parti scelgono e non sono obbligate , a fare la mediazione.

Inoltre si dichiarano interessate entrambi a trovare un accordo. In un certo senso si assumono la responsabilità di ricercare un  accordo.

Una volta trovato l’accoro si impegnano ad applicarlo e rispettarlo. (G. Francini)

                                 mediazione separazione gabriella castagnoli 

 

 

 

 

metodo di studio e sostegno ai genitori

Mercoledì 27 marzo 2019 alle 18, nell’ambito delle iniziative promosse dall’Associazione La Primola di Imola  volte a facilitare lo studio e a sostenere i genitori parleremo di

“METODO DI STUDIO E SOSTEGNO AI GENITORI”

 

Metodo di studio 20 marzo ASSOCIAZIONE LA PRIMOLA IMOLA SOSTEGNO GENITORI gabriella cas

MIO/A FIGLIO/A SI ABBUFFA E SI ALZA DURANTE I PASTI: come facciamo ad aiutarlo a trattenersi e aspettare?

  • Non facciamolo vergognare

  • Non facciamolo sentire “sbagliato”: evitiamo di dare giudizi negativi di valore sulla sua persona come ad esempio “sei il solito maleducato!” “sei il solito ingordo!”

  • Proviamo a condurre nostro/a figlio/a gradualmente ad apprezzare da sè il gusto di rallentare e di vivere con piacere il momento insieme dei pasti

  • Valorizziamo il pasto come momento conviviale, in cui ci si siede tutti insieme e tutti rispettano le regole della tavola

bimbi a tavola GABRIELLA CASTAGNOLI