I BISOGNI DEI BAMBINI

IL BISOGNO DI SVILUPPARE UN ATTACCAMENTO SICURO

Una relazione di accudimento adeguato porta il bambino a:

-Avere fiducia negli altri

-Avere un’immagine di sé come degno di amore

  • Sviluppare AUTOSTIMA e AUTONOMIA.

IL BISOGNO DI ESPERIENZE MODELLATE SULLE DIFFERENZE INDIVIDUALI

Ogni bambino deve potersi sperimentare in diverse esperienze per poter scoprire e sviluppare le proprie POTENZIALITA’ e RISORSE. Deve poter imparare dai propri errori.

IL BISOGNO DI AVERE REGOLE CHIARE E DEFINITE

avere delle regole predefinite e costanti aiuta il bambino a costruire un proprio modello di comportamento e permette di avere aspettative realistiche sulla reazione degli adulti.

IL BISOGNO DI AVERE GENITORI CHE ESERCITINO LA FUNZIONE VIRTUOSA DEL LIMITE

non si può fare tutto, non si può sapere tutto,non si può avere tutto..introduce alla possibilita’ di desiderare

IL BISOGNO DI ESPERIENZE ADEGUATE ALLE DIVERSE ETÀ

a seconda della tappa evolutiva che stanno attraversando i bambini devono poter vivere esperienze che gli permettano di sviluppare la propria autostima, di migliorare la propria competenza, di socializzare con i coetanei e con gli adulti esterni al nucleo familiare, di divertirsi, di mettersi alla prova, di fare esperienze nuove,…

IL BISOGNO DI AVERE GENITORI CHE SIANO PUNTI DI RIFERIMENTO STABILI E DI RELAZIONI FAMILIARI PRESENTI

i genitori devono svolgere il loro ruolo in modo coerente e complementare. il papà e la mamma devono essere comprensivi ed emotivamente vicini, ma mantenendo sempre un ruolo adulto. i bambini devono poter arricchire il loro mondo relazionale stabilendo rapporti con la famiglia allargata. (differenza generazionale)

IL BISOGNO DI SVILUPPARE LA PROPRIA AUTOSTIMA

Un bambino deve SENTIRSI AMATO ed accettato dai genitori in modo totale e gratuito e deve sentirsi apprezzato per i risultati che raggiunge. Un bimbo che ha sviluppato una buona AUTOSTIMA sarà pronto ad affrontare il mondo con fiducia ed entusiasmo.

BAMBINI psicologa gabriella castagnoli.JPG

LE MAPPE CONCETTUALI: perché, quando, come

A COSA SERVE :  per orientarti in un percorso (mappa del tesoro, mappa di un parco, mappa di una città,…)costruirsi una mappa delle conoscenze, delle idee – chiave

e di tutti i POSSIBILI COLLEGAMENTI fra i concetti.

QUANDO COSTRUIRE UNA MAPPA?

Bisogna conoscere perfettamente la zona da rappresentare: come potresti disegnare la mappa di un parco…se non lo conosci e se non hai provato a percorrerlo e ad attraversarlo? quando hai già raccolto le idee – chiave

e i concetti fondamentali.

METODO DI STUDIO GABRIELLA CASTAGNOLI

 

CANALI SENSORIALI E STILI DI APPRENDIMENTO: IL CANALE UDITIVO

preferenza per l’ascolto

(e’ favorito dall’assistere ad una lezione, partecipare a discussioni e dal lavoro a gruppi)

• Prestare attenzione alle spiegazioni in classe

• Sfruttare il recupero e la verbalizzazione delle

conoscenze pregresse su un dato argomento

• Utilizzo del formato audio (registrare le lezioni a

scuola, registrare la propria voce mentre ripete)

• Lavora volentieri in gruppo con i compagni

METODO DI STUDIO GABRIELLA CASTAGNOLI

 

CANALI SENSORIALI E STILI DI APPRENDIMENTO

Ognuno di noi ha un proprio modo di apprendere in base alla via preferenziale di accesso alle informazioni. Si definiscono 4 canali sensoriali con cui l’informazione può essere percepita.

▪ Visivo- non verbale

  • Visivo – verbale

▪ Uditivo

       ▪ Cinestesico

METODO DI STUDIO GABRIELLA CASTAGNOLI

SENTIRE ….ASCOLTARE…

 TRA     SENTIRE

E     ASCOLTARE

Sentire ⇒    processo sensoriale

                                ⇓

               i suoni arrivano all’orecchio

                       

ASCOLTARE  ⇒  processo psicologico

                 ⇓

                                       i suoni  (parole, musica, ecc. )  

                                       vengono convertiti in concetti,

                                                           sentimenti…

                       

 

metodo di studio e sostegno ai genitori

Mercoledì 27 marzo 2019 alle 18, nell’ambito delle iniziative promosse dall’Associazione La Primola di Imola  volte a facilitare lo studio e a sostenere i genitori parleremo di

“METODO DI STUDIO E SOSTEGNO AI GENITORI”

 

Metodo di studio 20 marzo ASSOCIAZIONE LA PRIMOLA IMOLA SOSTEGNO GENITORI gabriella cas