ARTE TERAPIA : sopravvivere ai disastri

L’arte terapia è un campo in crescita del trattamento della salute mentale che utilizza l’arte come forma di comunicazione illustrativa. L’approccio si basa sulla convinzione che il processo creativo, agendo come una forma di espressione subconscia, possa aiutare a identificare i conflitti interiori, generare autostima e consapevolezza di sé, ridurre lo stress e ricostruire un senso fisico, emotivo e sociale generale di benessere. Si ritiene che l’arteterapia sia particolarmente preziosa per il trattamento dei bambini, che spesso mancano delle capacità sociali o verbali per esprimere i propri pensieri ed emozioni, in particolare quando hanno subito un trauma.

Storia e principi

Il campo della terapia artistica è stato sviluppato nel corso degli anni Quaranta e Cinquanta grazie all’impegno di pochi teorici che lavoravano indipendentemente l’uno dall’altro. La psicoterapeuta ed educatrice Margaret Naumburg ha aperto la strada al suo utilizzo con i pazienti psichiatrici e ha pubblicato vari lavori sull’argomento, tra cui Studi sull’espressione  artistica “libera” del problema comportamentale Bambini e adolescenti come mezzo di diagnosi e terapia  (1947) e  Arte schizofrenica: il suo significato in psicoterapia (1950). Naumburg si è basato sull’analisi di Sigmund Freud dell’immaginario del sogno come presenza del sé inconscio. Freud ha scritto: “Lo sperimentiamo [un sogno] prevalentemente in immagini visive…. Parte della difficoltà di rendere conto dei sogni è dovuta al fatto che dobbiamo tradurre queste immagini in parole ”[1]. I metodi psicoterapeutici di Freud si basavano sulla libera associazione e sull’idea di “catarsi”, durante la quale l’inconscio si rivela al conscio. Naumburg vedeva l’arte come in grado di connettere questi due, diventando una finestra all’interno del sé che avrebbe permesso al conscio di “ascoltare” l’inconscio. Questo è il principio alla base dell’arteterapia: l’idea di “disegnare dall’interno” [2].

Pochi anni dopo Naumburg, Edith Kramer emerse sulla scena dell’arte terapia. Kramer, un artista che fuggì da Praga prima della prima guerra mondiale, insegnò lezioni d’arte ai bambini rifugiati della Germania nazista. Sentiva che la creatività coinvolta nella produzione d’arte aveva il potenziale per guarire consentendo il trasferimento di alcuni impulsi ed emozioni nelle immagini [3]. Quando Kramer arrivò negli Stati Uniti nel 1951, lavorava come arteterapeuta con i bambini a Wiltwyck, una scuola residenziale per bambini mentalmente disturbati a New York City. Mentre la teoria di Naumburg si concentrava sull’idea di rendere conscio l’inconscio attraverso l’arte, Kramer enfatizzava il potenziale di guarigione del processo creativo stesso [3, 4]. I metodi di Naumburg riflettevano il suo ruolo di medico primario, mentre le teorie di Kramer erano più definite dal suo status di terapista aggiunto [4].

L’arteterapia ha tre principali vantaggi per il paziente: (1) coinvolge il corpo fisico nel rilassamento attraverso la manipolazione di materiali artistici, (2) consente al paziente di impegnarsi in un esercizio introspettivo personalizzato in cui il processo e il prodotto finito diventano ” contenitore simbolico di ricordi traumatici ”[5], e (3) permette la riflessione cognitiva attraverso la discussione dell’opera d’arte [5]. Quest’ultima componente, in particolare, migliora la relazione terapeuta-paziente. Il processo di creazione artistica può aiutare a bypassare i centri verbali del cervello, consentendo al terapeuta di esaminare e discutere in sicurezza i pensieri manifestati in modo fisico e visivo [6].

Nel 1971, il pediatra britannico Donald Winnicot ha esplorato l’arte come un potenziale strumento per avviare la comunicazione tra bambino e terapeuta [3]. Ha sviluppato una tecnica in cui il bambino e il terapeuta lavorano insieme, che ha chiamato “il gioco degli scarabocchi” [3]. In questa tecnica, il terapista disegna uno scarabocchio su un foglio bianco, quindi il bambino aggiunge uno scarabocchio, seguito da un terzo scarabocchio e così via, fino a creare un’immagine.

Arte Terapia per i sopravvissuti ai disastri

Recentemente, un numero crescente di sopravvissuti ai disastri pediatrici è stato trattato con l’arte terapia. Il Child Study Center della NYU incoraggia e insegna ai genitori e ai tutori a usare l’arte come mezzo di comunicazione con i bambini dopo un evento stressante, avviando la conversazione, ad esempio, chiedendo informazioni sugli elementi formali dell’opera d’arte, come l’uso del colore o delle forme [ 7]. In seguito alla devastazione della costa del Golfo durante gli uragani Katrina e Rita, la Hyogo-NOMA Art Therapy Initiative ha fornito terapia artistica settimanale a oltre 250 bambini delle scuole pubbliche di New Orleans che altrimenti non avrebbero avuto accesso alle cure per la salute mentale. La terapista, Holly Wherry, MAAT, ha scelto l’ambiente scolastico in modo che i bambini potessero rimanere in un ambiente familiare e confortevole con un sistema di supporto integrato.

Rebekah Chilcote, una studentessa laureata in arteterapia all’epoca dello tsunami del 2004 in Sri Lanka, ha usato l’arteterapia per lavorare con 113 ragazze sopravvissute di età compresa tra 5 e 13 anni, selezionate dai loro insegnanti come quelle che mostravano i sintomi più acuti di dolore e trauma [8]. I bambini sono stati divisi in gruppi appropriati all’età di circa 10 ciascuno, che si sono incontrati una volta alla settimana per un mese. Chilcote ha spinto le ragazze ad esprimersi artisticamente su un determinato argomento (ad esempio, “la mia vita, me stesso” e “il giorno che non dimenticherò mai”) ​​e quindi presentare le loro opere d’arte al gruppo [8]. Chilcote ha concluso che l’arte è un intervento efficace e psicologicamente benefico per i bambini che hanno subito un trauma psicologico significativo e uno che può essere somministrato in modo interculturale [8].

L’ICAF, o International Child Art Foundation, fondata nel 1997, è una forza importante nel campo della terapia artistica in tutto il mondo. In seguito alla tragedia americana dell’11 settembre 2001, l’ICAF, in collaborazione con psichiatri e psicologi, ha chiesto ai bambini di usare la loro creatività per ridurre la trasmissione transgenerazionale di traumi e odio producendo una visione di pacifica convivenza [9].

Arte Terapia e trauma

Si è scoperto che l’arte è uno strumento particolarmente efficace per lavorare con adulti e bambini che affrontano un trauma. Un’esperienza traumatica può portare a un disturbo da stress acuto (ASD, ansia o dissociazione che dura per alcuni giorni o settimane dopo un fattore di stress) e disturbo da stress post-traumatico (PTSD, una costellazione più duratura di sintomi simili). In uno studio, i pazienti pediatrici affetti da ASD dopo abuso sessuale che sono stati trattati con arteterapia hanno mostrato una significativa riduzione dei sintomi [5]. Altre situazioni in cui i bambini sono trattati con l’arte terapia sono quelle associate a gravi malattie o lesioni, inclusi cancro, malattie renali, disturbi del dolore cronico e gravi ustioni.

L’esperienza traumatica è stata descritta come un duplice evento, soprattutto per i bambini. Il sé si dissocia durante il trauma, creando una frattura tra la consapevolezza cosciente tollerabile dell’evento e l’intollerabile memoria emotiva dell’evento che è nascosta nell’inconscio [6]. L’energia fisica, emotiva e mentale viene impiegata per mantenere le emozioni difficili lontane dalla mente cosciente. La neuroimaging mostra dissociazione (che si manifesta, ad esempio, come amnesia, depersonalizzazione, distacco emotivo e de-realizzazione) quando si tenta il richiamo di eventi traumatici. La corteccia frontale sinistra, in particolare l’area di Broca (responsabile della parola), rimane inattiva, mentre l’emisfero destro, in particolare la regione intorno all’amigdala, associata all’eccitazione emotiva e automatica, è particolarmente attivo [10].

I ricordi traumatici sembrano attecchire non nelle parti verbali e analitiche del cervello ma nelle regioni non verbali del sistema limbico, da cui la cognizione è in qualche modo distaccata (e che, postula Babette Rothschild, può fornire una sorta di collegamento con la mente inconscia ) [10]. Ciò compromette la capacità dei pazienti di comunicare con se stessi o con gli altri riguardo alle proprie esperienze [10]. I bambini possono essere ulteriormente limitati dalle abilità linguistiche ancora in via di sviluppo, il che rende le modalità di espressione non verbali, come l’arte, strumenti formidabili per il trattamento.

(Sadia Hussain, MD,  State University of New York (SUNY) Downstate / Kings County Hospital Center di Brooklyn.

PESCI ROSSI NELL’ARTE

Da bambina desideravo tanto avere un gatto. Mia madre però non ne voleva sapere assolutamente e così ho dovuto ridimensionare il mio desiderio di un animale domestico dirottandolo su un minuscolo pesce rosso. Il quale pesce rosso, a differenza di qualsiasi gatto, aveva un micidiale istinto suicida che lo portava a balzare fuori dalla vaschetta appena giravo le spalle (avete presente la scena di Amelie?).

Quando il pesce Brodino (questo il nome che gli avevo dato, presagendo evidentemente una brutta fine…) non finiva i suoi giorni spiaccicato sul pavimento, lo trovavo a galleggiare a pancia all’aria, pallido, stecchito.
Insomma non ci sapevo fare, li facevo morire tutti. Non solo: il fatto che i miei compagni avessero cani e gatti e io il pesce rosso mi faceva sentire definitivamente una sfigata.

Ho rivalutato i pesci rossi solo di recente, da quando ho scoperto che nell’Ottocento erano considerati molto chic e si trovavano solo nelle abitazioni di lusso (mentre cani e gatti ce li avevano tutti). Lo testimoniano decine di dipinti con scene di genere che ho prontamente raccolto su Pinterest.

In verità i pesci rossi erano stati introdotti in Europa dall’estremo oriente già nel XVII secolo (negli Stati Uniti invece arriveranno solo nel 1850, diventando subito popolarissimi). Per via della loro livrea luccicante erano considerati simbolo di prosperità e così i pesci rossi divennero un tradizionale dono degli uomini sposati alle loro mogli, in occasione del primo anniversario di matrimonio.

Nei dipinti compaiono sempre dentro una bella boccia sferica di vetro soffiato, molto più bella della mia vaschetta rettangolare di plastica…
Era un oggetto col quale i pittori davano sfoggio di bravura nelle trasparenze e, soprattutto, nei riflessi. Un po’ come lo specchio convesso degli Arnolfini.

Ma quando compare questo soggetto nei dipinti? Il quadro più antico che ho trovato risale al 1765. Si tratta di un compassato ritratto femminile completato dalla boccia dei pesci rossi. Un gatto che cerca di afferrarli aggiunge alla scena ironia e naturalezza.

Il tema del ritratto con pesci nella boccia lascerà rapidamente il posto a scene più spontanee, in cui i personaggi sono intenti ad osservare i pesci. Con lo scorrere delle date è evidente anche un cambiamento stilistico, pur mantenendo lo stesso tema.

L’abbinamento più frequente è quello della donna elegante con boccia di pesci rossi.

Ma non mancano immagini di bambini incantati a guardare il nuoto dei pesci.

Ma forse i più interessati sono gli animali… i gatti, in particolare, si stanno già leccando i baffi!

Ma c’è un artista che, ancora più dei gatti e dei bambini, è rimasto stregato dal placido moto dei pesci nel loro vaso, fino a dedicare loro decine di tele. È Henri Matisse, uno dei pochi artisti del Novecento ad aver dipinto i pesci rossi.

Le altre apparizioni novecentesche dei pesci rossi rompono completamente con la tradizione, come questa geniale scultura in fil di ferro di Alexander Calder del 1929…

… o questo splendido scatto di Herbert List del 1937.

Certo, volendo guardare la vicenda dal lato del pesce non è che se la sia passata bene. Arte o non arte, girare in tondo dentro una palla di vetro non è esattamente la massima aspirazione per un animale. Ma qui vi racconto immagini ed epoche, senza giudizi, con il gusto di scoprire come andava il mondo.

Ah, a proposito… da almeno vent’anni ho sempre avuto un bel po’ di gatti. I pesci rossi saranno anche aristocratici ma preferisco animali più intraprendenti (ehm… si fa per dire).

(Emanuela Pulvirenti)