Memoria….Memorizzare……..

MEMORIZZARE

Sviluppare capacita’ e abilita’ di RICORDARE

  • RIPETERE
  • AUTO INTERROGARSI
  • Costruire modelli e SCHEMI MENTALI
  • Fare COLLEGAMENTI
  • Usare MNEMOTECNICHE (rime,acronimi, categorizzazioni, associazioni fonetiche e visive)

  • Formare immagini mentali dei termini concreti:individuare i termini concreti e tradurli in un immagine mentale o eventualmente grafica
  • Concretizzare

 

metodo di studio e sostegno ai genitori

Mercoledì 27 marzo 2019 alle 18, nell’ambito delle iniziative promosse dall’Associazione La Primola di Imola  volte a facilitare lo studio e a sostenere i genitori parleremo di

“METODO DI STUDIO E SOSTEGNO AI GENITORI”

 

Metodo di studio 20 marzo ASSOCIAZIONE LA PRIMOLA IMOLA SOSTEGNO GENITORI gabriella cas

L’AZIENDA E L’EVENTO SUICIDARIO

azienda benessere psicologa gabriella castagnoli

Quando un evento stressogeno come quello suicidario accade in azienda non possiamo non prendere in considerazione l’impatto sul gruppo di lavoro. Dopo la fase iniziale di crisi connotata dell’evento,dalle indagini e dal rito funebre, , possiamo aspettarci che i colleghi, anche se non a stretto contatto con la persona scomparsa, manifestino pensieri di colpa, lutto e rabbia anche se con modalità differenti tra loro. Qualcuno si esprime direttamente mentre altri sembrano non essere toccati dall’evento ma occorre sapere che si tratta di modalità diverse di reazione all’evento e che chi si occupa di risorse umane deve tener d’occhio la situazione e prestare un ascolto attento a quanto accade . Rispetto e sensibilità sono chiavi necessarie per facilitare un rientro al lavoro con buon esito. Le linee guida e la ricerca ci dicono che occorre fornire adeguate informazioni (educazione) sul suicidio assicurandosi che i lavoratori ne abbiano ben compreso la complessità e che si rassicurino che non potevano fare nulla di più di quello che hanno fatto. Possiamo attivare un gruppo di supporto ed eventualmente un gruppo di mutuo auto aiuto che permetta di portare avanti la condivisione alla pari. Può essere utile predisporre un supporto individualizzato per chi ne fa richiesta. E’ altresì importante tener d’occhio le performances lavorative e le modalità relazionali quotidiane in quanto variazioni repentine o eccessive possono indicarci difficoltà connesse all’evento che potrebbero trasformare le difficoltà personali in difficoltà lavorative e quindi inficiare il servizio offerto dall’azienda. Può essere opportuno un follow up di verifica dopo 3 – 6 mesi e a 1 anno.

SALUTE ORGANIZZATIVA

azienda benessere psicologa gabriella castagnoli

L’azienda e la salute organizzativa.

La salute organizzativa si riferisce alla capacità di un’organizzazione o impresa di funzionare, svilupparsi e raggiungere i propri obiettivi promuovendo e garantendo nelle persone un adeguato grado di benessere fisico e psicologico, rilevabile in termini di “salute/benessere organizzativo”. In un’organizzazione il grado di “salute organizzativa” può influire in modo significativo sulle performance dei singoli e dei gruppi attraverso l’influenza che esercita sulle capacità di copyng (fronteggiare il disagio ) e dunque sulla resistenza di ogni dipendente agli agenti stressogeni presenti nell’ambiente di lavoro. Il benessere dei lavoratori è uno dei punti cardini per costruire un servizio di qualità per il cliente. In quest’ottica, la capacità di mettere in atto sistemi di monitoraggio, gestione, e soprattutto trattamento, del malessere dei propri dipendenti diventa un elemento che può incidere sulla qualità ( efficacia ed efficienza) del servizio offerto. Il clima organizzativo è insieme causa ed effetto degli stati d’animo degli individui che ne fanno parte e delle loro relazioni. Se il clima è depressivo o conflittuale può portare a diminuzione della produttività, assenteismo, bassi livelli di motivazione, ridotta disponibilità al lavoro, carenza di fiducia e mancanza di impegno.

suicidio: e i survivors?

Ma che fare per coloro che rimangono dopo aver perso un caro a causa del suicidio , i cosiddetti survivors?

Ma che fare per coloro che rimangono dopo aver perso un caro a causa del suicidio , i cosiddetti survivors? I sopravvissuti sono la più grande comunità di vittime con disturbi mentali connessi al suicidio (Shneidman, Ph.D.,Fondatore dell’American Association of Suicidology). I dati divulgati dall’American Association of Suicidology stimano che per ogni suicidio ci sono almeno 6 persone che vengono intaccate da questo evento e si tratta di un numero che sottostima il fenomeno. La perdita di una persona cara per suicidio è scioccante, dolorosa e inaspettata. Quest’esperienza è un processo individuale molto complesso, che si verifica in tempi diversi. Il dolore non segue sempre un percorso lineare e non necessariamente progredisce e si risolve. Non ci sono indicazioni su quando tale dolore si risolverà. La colpa per non aver fatto abbastanza per prevenire il gesto è un rimprovero che spesso queste persone manifestano. La rabbia verso il defunto è spesso identificabile, a causa dell’aver subito le conseguenze di un gesto egoistico. Sentimenti di disconnessione accompagnano, poi, il dolore di queste persone; infatti, spesso, il poter rievocare ricordi lieti e pensare che, se avesse potuto, la persona scomparsa sarebbe stata ancora presente, non è un processo attuabile per i sopravvissuti del suicidio. Non deve, inoltre, sfuggire la stigmatizzazione che queste persone devono affrontare, motivo di ulteriore sofferenza causato dalla società (Minerva Psichiatr. 2007;48:99-118 Pompili M.,Tatarelli R.). A seguito di un evento così drammatico, le relazioni dei survivors con le persone si trasformano. Mente e corpo spesso soffrono contemporaneamente, il linguaggio delle parole sembra non bastare per esprimere i sentimenti ed il dolore. Le persone che hanno subito un lutto di questo tipo, da subito avvertono la necessità di capire più a fondo il senso della vita e del perché tutto ciò sia accaduto. Il mondo esterno spesso risulta distante, e a volte si incontrano pregiudizi culturali che hanno radici storiche e religiose. Il mondo della comunicazione non sempre riesce ad essere sufficientemente rispettoso e ci si trova a vivere in una realtà che, oltre a rari momenti di sincera comprensione, fornisce giudizi pietistici ed a volte sprezzanti verso chi si è tolto la vita. Ai familiari ,amici e colleghi viene instillato un senso di vergogna, di disagio, di distanza, proprio quando si avrebbe bisogno di vicinanza, solidarietà e rispetto.

psicologa a bologna gabriella castagnoli

ORGOGLIO e VERGOGNA

  Alla luce dei continui fatti che affollano le nostre quotidiane cronache ,dopo aver definito l’umiliazione , definiamo la vergogna  con le parole di Wurmser (1981):

la vergogna è l’angoscia provocata dall’esposizione improvvisa all’osservazione altrui che segnala il pericolo di un rifiuto sprezzante” . Un segnale dunque intra e inter soggettivo , con funzione comunicativa, del fatto che si è subita, o si sta per subire , un’umiliazione, ed insieme una reazione ad essa. Ad essa corrisponde il dileggio, la derisione, il disprezzo , il compatimento e commiserazione da parte dell’altro (un altro, degli altri e anche di sé stessi) e questi comportamenti mirano a determinare una situazione di umiliazione, nella quale una persona è ridotta a posizione inferiore.

Il contrario della vergogna è l’orgoglio (Sartre 1943, Lewis 1971) al quale corrispondono ammirazione, apprezzamento, approvazione o anche solo accettazione da parte dell’altro e questo comportamenti determinano una situazione , al limite, di trionfo. Ma questo trionfo può essere dato anche  dall’umiliare l’altro: così vergogna e orgoglio, segnali rispettivamente che l’amor proprio è stato ferito o è stato esaltato, sono necessariamente connessi alla relazione intersoggettiva asimmetrica dell’umiliazione-trionfo ( Battacchi, Codispoti ,1992).

psicologa a bologna gabriella castagnoli

SUICIDIO: quali fattori protettivi?

La Regione Emilia Romagna nella “Raccomandazione per la prevenzione delle condotte suicidarie nel territorio” individua il suicidio come un comportamento plurideterminato, spesso associato ad aspetti psicopatologici che, se riconosciuti e trattati, possono determinare una significativa diminuzione del rischio. Individua inoltre dei fattori di protezione dal rischio : supporti sociali intatti, appartenenza religiosa attiva o fede religiosa ( che può anche essere un fattore di rischio se implica vergogna/senso di colpa per i comportamenti), matrimonio e presenza di figli a carico, rapporto continuativo di supporto con un caregiver ( in relazione alla qualità del rapporto), relazione terapeutica positiva (APA, 2003), assenza di depressione o abuso di sostanze, accesso a risorse sanitarie mediche e di salute mentale, controllo degli impulsi, comprovate capacità di problem-solving e di coping (porre attenzione a variazioni repentine della capacità del paziente di far fronte ai problemi), gravidanza (APA, 2003), life satisfaction (APA, 2003), sollievo per non aver completato il suicidio (NZGG, 2003), sensazione di avere progetti/compiti ancora da completare (NZGG, 2003), buona autostima, fiducia in se stessi (NZGG, 2003), consapevolezza che le figure significative di riferimento sanno dei pensieri suicidari (NZGG, 2003), senso di appartenenza a un gruppo, ad una associazione, ad un partito politico o religione (Sargent, Williams,Hagerty, Lynch-Sauer & Hoyle., 2002).

psicologa a bologna gabriella castagnoli