Il Caso di G. : la malattia del corpo e il dolore emotivo

Nell’intento di comunicare quanto possa essere di sollievo , sostegno e aiuto un’accompagnamento psicologico nella malattia del corpo, ho deciso di parlarVi  di Giorgio , 6 anni e 6 interventi al cuore che gli hanno permesso di “restare tra noi” come dice sorridente la mamma e di “non essere un bambino blu” come dice lui. Giorgio, come lamenta la giovanissima e collaborativa mamma e la scuola , non riesce a star fermo, si muove sempre.

E’ immediato, anche senza possedere particolari competenze psicologiche, comprendere quanto la mattia organica possa mettere in  sofferenza non solo  il corpo ma anche la mente e lo “spirito” della persona, in questo caso un bambino, e della sua famiglia.

 Spesso si è portati a pensare che non ci si possa fare nulla… che occorra sopportare e basta! Non è così .In un lungo e costante lavoro a casa e in studio, attrezzato opportunamente per accogliere il piccolo paziente,  abbiamo pian piano imparato a capire, sentire e praticare che essere vivi non significa necessariamente muoversi di continuo e che ci si può sentire bene anche se si sta fermi, seduti e attenti.

I disegni e il movimento sono stati i nostri strumenti.

BAMBINI psicologa gabriella castagnoli

ARTE TERAPIA E DOLORE CRONICO IN ORTOPEDIA

COME L’ARTE TERAPIA PUÒ AIUTARE CHI SOFFRE DI DOLORE CRONICO

Per i pazienti che soffrono di dolore cronico , può essere facile concentrarsi solo sul dolore estremo che stanno provando e sui modi per alleviare il dolore. Questo può rendere difficile trovare un trattamento per alleviare i sintomi associati al dolore cronico.

La colorazione, a quanto pare, può avere un grande impatto terapeutico su coloro che soffrono di molti diversi tipi di dolore fisico e può aiutare a controllare sintomi come dolore cronico, ansia e depressione. La colorazione fa bene alla mente e al corpo! Ecco perché:

BENEFICI DELL’ARTE TERAPIA PER IL TRATTAMENTO DEL DOLORE

Quando si tratta di metodi di terapia dell’artrite, perché non colorare al di fuori delle linee? Secondo Harvard Health :

“L’arte terapia aiuta a ridurre la percezione del dolore allontanando la tua attenzione mentale dallo stimolo doloroso. Non è semplicemente una distrazione, ma piuttosto un modo per insegnarti come rilassare e modificare il tuo umore, quindi il dolore non controlla il tuo stato emotivo. ” 

Mentre l’ARTE TERAPIA non sostituisce la necessità di terapia fisica e antidolorifici, offre ai pazienti che soffrono di dolore la possibilità di rilassare la mente e ottenere una piccola pausa mentale dal pensare al proprio dolore. Può anche aiutare a esercitare le mani e le braccia in un movimento facile.

Uno studio di The Arts in Psychotherapy ha scoperto che la partecipazione a sedute di ARTE TERAPIA  per una durata  media di 50 minuti può migliorare significativamente l’umore dei pazienti e abbassare i livelli di dolore e ansia.

COSA SUGGERISCE L’ARTE TERAPIA

L’arte terapia è praticata da un’ARTE TERAPEUTA registrato o certificato. L’ARTE TERAPEUTA  ti aiuterà a capire il tuo dolore e a superarlo guidando il tuo processo creativo. Questo può includere dipingere un’immagine del tuo dolore in un determinato giorno o lasciare che la tua immaginazione si scateni.

Non è necessario essere un artista per beneficiare della terapia artistica. Inoltre,una volta guidati e aiutati dall’ARTE TERAPEUTA , i pazienti con dolore di tutte le età possono   portare ciò che hanno appreso praticamente ovunque. Che sia seduto, in piedi, sdraiato sul letto o in attesa dell’appuntamento del medico.

                                                                            ( 17/9/ 2019 Orthopedic Specialty Group, USA)

ortopedic pain

ARTE TERAPIA E DOLORE CRONICO

Nella terapia delle malattie croniche e dei disturbi funzionali, l’Arte Terapia è considerata di crescente importanza. L’idea alla base di questo tipo di terapia è che la stimolazione delle attività creative promuove il processo di guarigione e riabilitazione.  Nei pazienti, la cui percezione della malattia e l’aspettativa del trattamento sono determinate dall’idea che il loro dolore deriva solo da cause fisiche, la conformità nella musicoterapia è generalmente migliore degli approcci psicoterapici diretti. Oltre alla musicoterapia, le arti creative, la danza creativa e la terapia creativa basata sul movimento sono state utilizzate anche nel trattamento di pazienti con dolore cronico. Un modello di dolore cronico come un fenomeno mutevole di coscienza che dipende dalla percezione soggettiva, dalla comunicazione e dalla coping è la base per comprendere l’arte terapia. Il quadro concettuale dell’Arte Terapia  offre varie spiegazioni per l’integrazione di queste forme di terapia nei programmi complementari e di supporto alla gestione del dolore: (1) migliorare il livello di attività e la capacità creativa come fonte di guarigione; (2) stimolazione di esperienze emotive positive; (3) esperienza di comunicazione e interazione sociale; (4) facilitare la coping proiettiva; (5) stimolazione dell’esperienza e della consapevolezza immaginative; (6) promozione di elementi suggestivi. L’esperienza  indica che potrebbe esserci un ampio campo per l’uso dell’Arte Terapia nei programmi di gestione del dolore.

fibro

 

Le ultime fasi del LUTTO :Depressione e Accettazione

Abbiamo parlato delle diverse fasi del GRIEF , il lutto per la perdita di una persona cara.

Eccoci ora alle ultime fasi:

DEPRESSIONE

Molti di noi sono state diverse settimane in questa pandemia. Il termine “stanchezza da pandemia” è stato coniato per riflettere il senso di molti di noi che provano attualmente. Mentre aspettiamo il semaforo verde per tornare al mondo, potremmo sentirci giù. Nel ciclo del dolore, quando arriviamo a patti con la mancanza di controllo creato dalla perdita e alle prese con lo “stadio della contrattazione”, il senso di impotenza della depressione potrebbe emergere nel tuo panorama emotivo. Questo è normale, naturale ed è una grande parte della perdita.

Quando il mondo si riaprirà,come ora sta avvenendo, potrebbe apparire e sentirsi molto diverso da quello che conoscevamo solo pochi mesi fa. Questo è un luogo in cui tristezza e perdita potrebbero essere veramente sentite. Dato che puoi nominare questi sentimenti mentre li provi, sarebbe buona cosa  prendersi il ​​tempo necessario per farlo. La cosa strana è che se ti senti fuori mentre torni nel tuo mondo aperto, questo è in realtà un segno di salute mentale. Il mondo ti sembrerà diverso e potresti rispondere sentendo nostalgia  del nostro recente passato. Per favore, permettiti di abbracciare queste emozioni.

Se hai perso una persona cara legata a COVID-19, la tristezza, la depressione e i sentimenti di perdita potrebbero richiedere del tempo. Il dolore collettivo che avvertiamo, unito al dolore personale, è davvero molto profondo.

Incoraggia i tuoi cari a darti spazio, amore, accettazione e per favore fai lo stesso per chiunque tu sappia che sta soffrendo per una perdita legata a questa pandemia.

E alla fine di tutta questa esperienza del lutto l’ACCETTAZIONE

Queste fasi della perdita non sono lineari, né esatte, ma servono come quadro per aiutare a dare un senso al tuo viaggio.

L’accettazione accade quando possiamo riconoscere la perdita come parte della vita e sentirci meno consumati dall’esperienza. Il dolore è un insegnante eccellente e alla fine ci offre uno spazio per crescere, acquisire saggezza e aumentare la nostra intelligenza emotiva. L’accettazione non significa che abbiamo rinunciato ad amare la persona amata che è passata, significa che abbiamo trovato un posto dove vivere in noi, pur continuando con le nostre stesse vite. Queste righe non hanno l’ambizione di essere terapeutiche ma di rendersi utili a fornire  uno spazio utile per guarire, riflettere e coinvolgere la tua creatività per il tuo percorso di guarigione.

La creatività può servire come un’eccellente strada per uscire da un luogo buio. Potresti pensare di non essere abbastanza creativo da impegnarti nell’espressione di sé come forma di guarigione, ma serve un po’ di coraggio per  correre un piccolo rischio di provare qualcosa, anche se è solo un semplice articolo come questo. L’arte creata nelle sessioni di terapia espressiva e di arte terapia  è spesso grezza, disordinata, brutta e potente. La forma onesta di espressione di sé è spesso sorprendente in quanto possiamo comunicare cose che non possono essere espresse verbalmente. Le informazioni visive possono servire da veicolo per l’autoespressione di emozioni che spesso non hanno parole. Puoi di usare la tua creatività come guida per l’espressione personale.

In questo periodo in cui non potevamo sederci l’uno di fronte all’altra, abbiamo utilizzato le sedute on line come veicolo unico per chiamate simulate di condoglianze, ma non è certo come vedersi di persona, incontrarsi, abbracciarsi o stringersi la mano. Con il supporto della comunità. Se conosci qualcuno che è in lutto a causa di una perdita, mettiti in contatto con lui, dagli un po ‘d’amore e fai piani per passare del tempo insieme nel prossimo futuro. Lo supereremo. Gli esseri umani sono resistenti.

                                                                           ( On Death and Dying di Elizabeth Kubler-Ross)

cropped-immagine-home-page-5.jpg

IL LUTTO: dopo il rifiuto , la RABBIA e la CONTRATTAZIONE

Abbiamo parlato recentemente delle fasi del lutto per la perdita di una persona che in inglese chiamiamo GRIEF e della prima fase connotata dal rifiuto.

Al rifiuto segue la RABBIA

La rabbia è un’emozione umana che può consumarci. La rabbia è potente, intensa, spaventosa e spesso può dominarci se permettiamo a questa forte emozione di gestire lo spettacolo. Se le emozioni sono informazioni, la rabbia ci dice che siamo stati violati in qualche modo. Quando la negazione scompare, la rabbia è spesso la prima emozione a materializzarsi mentre si dà un senso alla nostra perdita.

La differenza tra un sentimento e un’emozione è abbastanza semplice. Un SENTIMENTO è qualcosa che possiamo nominare, e un’EMOZIONE è spesso qualcosa che il nostro corpo prova prima che diventi un pensiero cosciente che possa essere nominato. Se stai provando rabbia, questo è normale, questo è reale e hai tutto il diritto di essere arrabbiato. la differenza sta nel cosa fare della rabbia.

Cosa puoi fare con la tua rabbia?  La rabbia a volte può fornire movimento. Puoi controllare con il tuo corpo, esplorare la tua rabbia, permettergli un po ‘di spazio? Puoi darti il ​​permesso di articolarlo nominandolo, disegnandolo o raccontandone una persona cara?

Se hai perso una persona cara a causa di COVID-19, la tua rabbia potrebbe essere più amorfa e difficile da sentire e gestire. Quello che sappiamo del dolore è che spesso in seduta dobbiamo viaggiare attraverso un viaggio emotivo   con le emozioni prima di essere pronti ad andare avanti. Ho seguito molte persone  che cercavano di cambiare brevemente il lavoro sul dolore, spiegando la loro mancanza di interesse nell’elaborare una grande perdita. Alla fine il lavoro necessario arriva , ma i tempi  di ognuno per esplorare il dolore potrebbero apparire un po ‘diversi.

Sii comprensivo  con te stesso e ricorda ai tuoi amici di essere gentile anche con te.

La mia osservazione dal lavoro come terapeuta negli ultimi decenni è che le persone spesso rimangono bloccate nella fase di rabbia del lutto, perdono di vista il viaggio del dolore e rimangono con la sensazione che la loro essenza sia basata sulla rabbia. Quando arriviamo a “classificare” la nostra rabbia come parte del processo di lutto, la rabbia può servire semplicemente come emozione piuttosto che come qualcosa che ci definisce.

 CONTRATTAZIONE

 

La contrattazione è una fase impegnativa del dolore, e probabilmente una delle più difficili da superare nel ciclo del dolore. Quando la negazione e la rabbia sono già state avvertite ed elaborate, la nostra mente spesso vaga nella direzione di “perché” e “cosa avrei potuto fare diversamente per alterare il risultato? Questo è un grande stadio del dolore da affrontare, perché affronta davvero il nostro senso di controllo contro la mancanza di controllo. COVID-19 si sta dimostrando un ottimo esempio di qualcosa che è fuori dal nostro controllo su molti livelli.

La contrattazione comporta anche l’angoscia esistenziale che potremmo avere con i nostri poteri superiori. Le persone spesso si rapportano  con l’universo, pensando di poter alterare un risultato permanente facendo qualcosa nel qui e ora per creare in modo retroattivo un risultato diverso. L’auto-colpa nella perdita è molto, molto comune nei bambini piccoli. I bambini spesso assumono enormi carichi di auto-colpa per cose che sfuggono al loro controllo (numerosi casi di studio descrivono bambini che pensavano di aver fatto crollare i World Trade Center durante l’11 settembre). La comunicazione è un elemento chiave per mitigare il dilemma interiore nei bambini e negli adulti. Mentre soffriamo in silenzio portando queste enormi preoccupazioni nella nostra testa, è difficile dare un senso a queste emozioni complesse.

Mentre veniamo a patti con la nostra reale mancanza di controllo con alcune cose nel mondo, possiamo fare pace con questo stadio del dolore.

Se hai perso una persona cara a causa di COVID-19, ti preghiamo di permetterti di sentire tutti i sentimenti e di trovare una persona sicura e affidabile per esprimere i tuoi pensieri. L’auto-colpa può essere catastrofica, come potreste chiedervi cose del tipo: “Non mi sono lavato abbastanza le mani? Ho contagiato la mia persona cara? Sapevano quanto le amavo, anche se non potevo stare con loro nei loro ultimi giorni o momenti? “

Per favore, esprimi questi sentimenti che potresti provare. Anche se non sono precisi, sono vere emozioni, perché le senti.

All’interno delle sedute pensate per l’elaborazione del dolore è centrale l’offerta di uno spazio per riconoscere che non siamo soli nel viaggio, poiché molte delle cose che sembrano endemiche alla nostra testa e al nostro cuore sono sentite da molti mentre percorrono il loro viaggio del dolore.

Nei prossimi  giorni parleremo dell’ultima fase del lutto.

                                                                            (On Death and Dying di Elizabeth Kubler-Ross)

cropped-immagine-home-page-5.jpg

BAMBINI E CORONAVIRUS: i genitori devono essere presenti durante i test on line?

 

Gli psicologi  valuteranno i benefici e i limiti della presenza dei genitori quando provano a condurre valutazioni tramite la connessione a distanza.
Ai genitori viene solitamente chiesto di lasciare la stanza durante i test di persona, per una serie di motivi, tra cui il tentativo di seguire il protocollo utilizzato nella standardizzazione, la riduzione della potenziale ansia da prestazione nei bambini, il mantenimento della sicurezza dei test e altri fattori. Gli psicologi che somministrano i test considereranno attentamente se e come i genitori dovrebbero essere invitati a lasciare lo spazio nelle proprie case e in che modo ciò può influenzare l’amministrazione e l’interpretazione del test.
Al contrario, quando si testano i bambini più piccoli in un ambiente clinico,nello  studio dello psicologo, i genitori in genere rimangono nella stanza. Questo può aiutare i bambini a sentirsi più a loro agio in presenza di uno sconosciuto e aiutare a gestire comportamenti difficili.
Durante i test nelle nostre usuali aree di lavoro,gli studi,  gli psicologi possono spesso mantenere un certo senso di controllo nella stanza, anche quando i genitori sono presenti. Ad esempio, possono offrire indicazioni su quando un genitore dovrebbe o non dovrebbe intervenire o dove dovrebbe sedere un genitore durante la valutazione.
Questo può essere più impegnativo quando i genitori sono presenti nella stanza della propria casa. Gli psicologi  discuteranno e concorderanno la presenza dei genitori nella stanza come parte della loro più ampia discussione su come stabilire le migliori condizioni possibili per i test. (American Psychological Association)

.art therapy on line

MINORI e COVID19: è opportuno effettuare test on line?

Occorre capire quali sono i “casi” più adatti per testare on line. Come?

A questo fine è necessario uno screening adeguato per determinare i casi più idonei per la valutazione della telehealth (telemedicina o medicina on line).

In alcuni casi, è opportuno  rinviare la valutazione fino a quando i test possono essere amministrati tradizionalmente. Può essere utile per il bambino e la famiglia attendere fino a quando non sarà possibile formulare una diagnosi più definitiva di persona.

Per alcuni bambini, attendere di fornire test di persona può costare loro mesi di accesso a supporti cruciali.
Alcune considerazioni per capire i casi più adatti al test in telehealth :
• se i test indicati per l’uso in base al problema di riferimento possono essere amministrati in un formato di teleassistenza senza violare gli standard di validità e pratica etica;
•  considerare i fattori individuali che sfidano in modo significativo l’impegno e una valutazione accurata delle capacità (come le differenze cognitive e di sviluppo nella gioventù) che sono mitigate con la somministrazione di test di persona;
• considerare i fattori ambientali come la capacità della famiglia di creare e mantenere un ambiente di test ottimale nella propria abitazione (come l’accesso a una webcam e l’accesso a una connessione Internet sicura e ad alta velocità).
Inoltre dobbiamo capire se il bambino è pronto per il test?
Gli psicologi che somministrano i test si devono curare di  adottare  misure per guidare i genitori nello stabilire le migliori condizioni possibili per i test.

Prima della data del test, lo psicologo informerà i genitori che i bambini dovrebbero seguire la loro tipica routine mattutina scolastica / di apprendimento il giorno del test.
Ad esempio, il bambino dovrebbe svegliarsi almeno un’ora prima del test, fare colazione e assumere i farmaci prescritti.

I genitori possono aiutare a creare un ambiente con il minor numero possibile di distrazioni, ad esempio rimuovendo giocattoli, libri, schermi non necessari, dispositivi elettronici, giochi e animali domestici e fornendo uno spazio libero sulla scrivania o sul tavolo.

I genitori possono informare tutti i membri della famiglia che il bambino richiederà privacy e un ambiente tranquillo durante i test. (American Psychological Association)
art therapy on line

BAMBINI e COVID19: perchè chiedere la consulenza psicologica

 

Con l’ansia accresciuta e lo stress sulle famiglie a causa di COVID-19,  potremmo vedere un’esacerbazione dei sintomi nei bambini.

I bambini che già soffrono di ansia o depressione potrebbero sperimentare livelli più alti di sintomi, data la maggiore ansia nella società nel suo insieme e un maggiore isolamento dal distanziamento fisico. I bambini con difficoltà comportamentali potrebbero mostrare comportamenti  aumentati con livelli di stress più elevati e sbocchi positivi ridotti.

Per i bambini con una storia di traumi, l’attuale crisi sanitaria potrebbe innescarli e riattivare i primi sintomi del trauma.

E’ molto importante  che in caso si osservino questi sintomi  si chieda la consulenza psicologica .Gli psicologi si cureranno di entrare in empatia e discutere questi problemi con bambini e genitori e fornire la psico educazione (informazione e  metodi di gestione) sul possibile impatto di COVID-19 sui sintomi. (APA American Psychological Association)

gabriella.castagnoli@arteterapiabologna.it

art therapy on line

BAMBINI IN QUARANTENA: CHE FARE?

Vi propongo un’idea del Mart di Trento ispirata alla Crystal Cities di Rob Dunlavey.KRISTAL CITIES DUNLAVEY

 

VILLAGGI DI CARTA

Oggi ti proponiamo la costruzione di un villaggio in miniatura, fatto con una sagoma autoportante di cartone: uno scenario perfetto per i tuoi giochi!
Per crearlo ci siamo ispirati, come sempre, al lavoro degli artisti.
Scopri di chi si tratta e come prendere esempio dalle loro creazioni.

Questo disegno è una delle Crystal Cities dell’illustratore americano Rob Dunlavey, che ha dedicato al tema delle “città di cristallo” uno dei suoi album di schizzi. Dopo aver disegnato città trasparenti dalle infinite forme e colori, Rob ha anche costruito alcuni modellini tridimensionali ai quali ci siamo ispirati per i nostri Villaggi di carta.
Ecco cosa ti serve per cominciare: un pezzo di cartone abbastanza grande (40-60 cm di larghezza per 25-35 di altezza) sul quale disegnare la sagoma di uno skyline stilizzato. Dai forme e altezze diverse ai tetti dei vari edifici, in modo da ottenere un profilo abbastanza mosso. Fatti aiutare da un adulto a ritagliare la sagoma.
Dipingi la sagoma con tempera bianca. Puoi usare un rullo o un pennello largo, l’importante è applicare uno strato sottile, senza bagnare troppo il cartone che altrimenti potrebbe deformarsi. Una volta asciutto, dipingi anche l’altro lato.
Per decorare i due lati della sagoma ti serviranno  pennarelli (meglio se a punta grossa), evidenziatori, forbici e colla, carte colorate e da pacco, nastri adesivi colorati (se ne hai).
Comincia a disegnare su un lato della sagoma ispirandoti agli intrecci di linee delle Crystal Cities di Rob Dunlavey. Lo sfondo bianco farà risaltare i colori dei pennarelli. Ti consigliamo di disegnare le linee principali…
… per poi arricchirle di dettagli: la forma delle finestre, le tegole del tetto, colonne, tendaggi e altri elementi decorativi.
Quando hai finito il disegno, traccia con matita e righello due linee rette che partono dai punti più bassi della linea dei tetti (dove si incontrano due edifici) e scendono perpendicolarmente alla base del cartone. Scegli due punti abbastanza distanti tra loro, una a sinistra e uno a destra. Fatti aiutare da un adulto a incidere leggermente il cartone lungo le due linee, facendo attenzione a non andare troppo in profondità altrimenti il cartone si taglierà. Piega il cartone verso il lato non inciso. Ora volta la sagoma e traccia una terza linea che dovrà trovarsi tra le prime due. Incidi anche quella e piega il cartone in senso contrario alle prime due pieghe. In tal modo, la sagoma assumerà una forma a zig zag che la farà stare in piedi da sola.
… altrimenti aggiungi dei dettagli disegnandoli con un pennarello nero a punta grossa (meglio ancora un marcatore).
Una volta finito, trova un posto per il tuo villaggio di carta.
Puoi anche usarlo per giocare in giardino, purché l’erba del prato sia abbastanza asciutta: non dimenticare che il cartone si inzuppa!Buon divertimento!