La resilienza nei bambini

La resilienza aiuta a trasformare un fallimento in opportunità.

Data l’importanza della resilienza nella vita dei bambini, cerchiamo di capire come sostenerla o coltivarla. L’American Psychological Association (APA) ha stilato un serie di 10 consigli che possono essere utili ai genitori, che non consistono tanto in un indottrinamento, ma nella creazione di uno stile di vita improntato alla resilienza.

Eccoli qui di seguito:

  1. Creare dei legami: incoraggiare il bambino a creare dei legami e a sviluppare empatia per gli altri invece di mettersi in competizione.
  2. Aiutare il bambino ad avere un atteggiamento di aiuto: il bambino che si sente da solo può comprendere come chiedere aiuti offrendosi lui stesso come appoggio agli altri.
  3. Routine giornaliera: una routine aiuta a sentirsi padrone del tempo e delle proprie attività
  4. Prendersi una pausa: in una routine il prendersi una pausa diventa un modo per evitare di essere sempre troppo preoccupati che le cose “vadano per il verso giusto”. Ogni tanto occorre concedersi un pò di tempo libero.
  5. Insegnare a prendersi cura di sè: i bambini devono imparare gli impegni, ma anche il relax e il tempo libero da autogestirsi.
  6. Pensare a degli obiettivi: è utile stabilire delle tappe che però siano adeguate all’età e alle capacità personali.
  7. Nutrire una visione positiva di sé: sottolineare come si è riusciti a superare gli ostacoli e le sfide per aiutarlo a non abbattersi davanti a quelle future.
  8. Offrire una prospettiva: i bambini non riescono ancora ad inquadrare i comportamenti e gli avvenimenti in una prospettiva a lungo termine.
  9. Auto-conoscenza: nelle piccole avversità i bambini scoprono molto di loro stessi, si può aiutarli a comprendere come sono cambiati.
  10. Accettare il cambiamento come parte della vita: i cambiamenti spaventano, occorre aiutare i bambini a vederli come opportunità per crescere e sperimentarsi in qualcosa di nuovo.

ARTE TERAPIA : sopravvivere ai disastri

L’arte terapia è un campo in crescita del trattamento della salute mentale che utilizza l’arte come forma di comunicazione illustrativa. L’approccio si basa sulla convinzione che il processo creativo, agendo come una forma di espressione subconscia, possa aiutare a identificare i conflitti interiori, generare autostima e consapevolezza di sé, ridurre lo stress e ricostruire un senso fisico, emotivo e sociale generale di benessere. Si ritiene che l’arteterapia sia particolarmente preziosa per il trattamento dei bambini, che spesso mancano delle capacità sociali o verbali per esprimere i propri pensieri ed emozioni, in particolare quando hanno subito un trauma.

Storia e principi

Il campo della terapia artistica è stato sviluppato nel corso degli anni Quaranta e Cinquanta grazie all’impegno di pochi teorici che lavoravano indipendentemente l’uno dall’altro. La psicoterapeuta ed educatrice Margaret Naumburg ha aperto la strada al suo utilizzo con i pazienti psichiatrici e ha pubblicato vari lavori sull’argomento, tra cui Studi sull’espressione  artistica “libera” del problema comportamentale Bambini e adolescenti come mezzo di diagnosi e terapia  (1947) e  Arte schizofrenica: il suo significato in psicoterapia (1950). Naumburg si è basato sull’analisi di Sigmund Freud dell’immaginario del sogno come presenza del sé inconscio. Freud ha scritto: “Lo sperimentiamo [un sogno] prevalentemente in immagini visive…. Parte della difficoltà di rendere conto dei sogni è dovuta al fatto che dobbiamo tradurre queste immagini in parole ”[1]. I metodi psicoterapeutici di Freud si basavano sulla libera associazione e sull’idea di “catarsi”, durante la quale l’inconscio si rivela al conscio. Naumburg vedeva l’arte come in grado di connettere questi due, diventando una finestra all’interno del sé che avrebbe permesso al conscio di “ascoltare” l’inconscio. Questo è il principio alla base dell’arteterapia: l’idea di “disegnare dall’interno” [2].

Pochi anni dopo Naumburg, Edith Kramer emerse sulla scena dell’arte terapia. Kramer, un artista che fuggì da Praga prima della prima guerra mondiale, insegnò lezioni d’arte ai bambini rifugiati della Germania nazista. Sentiva che la creatività coinvolta nella produzione d’arte aveva il potenziale per guarire consentendo il trasferimento di alcuni impulsi ed emozioni nelle immagini [3]. Quando Kramer arrivò negli Stati Uniti nel 1951, lavorava come arteterapeuta con i bambini a Wiltwyck, una scuola residenziale per bambini mentalmente disturbati a New York City. Mentre la teoria di Naumburg si concentrava sull’idea di rendere conscio l’inconscio attraverso l’arte, Kramer enfatizzava il potenziale di guarigione del processo creativo stesso [3, 4]. I metodi di Naumburg riflettevano il suo ruolo di medico primario, mentre le teorie di Kramer erano più definite dal suo status di terapista aggiunto [4].

L’arteterapia ha tre principali vantaggi per il paziente: (1) coinvolge il corpo fisico nel rilassamento attraverso la manipolazione di materiali artistici, (2) consente al paziente di impegnarsi in un esercizio introspettivo personalizzato in cui il processo e il prodotto finito diventano ” contenitore simbolico di ricordi traumatici ”[5], e (3) permette la riflessione cognitiva attraverso la discussione dell’opera d’arte [5]. Quest’ultima componente, in particolare, migliora la relazione terapeuta-paziente. Il processo di creazione artistica può aiutare a bypassare i centri verbali del cervello, consentendo al terapeuta di esaminare e discutere in sicurezza i pensieri manifestati in modo fisico e visivo [6].

Nel 1971, il pediatra britannico Donald Winnicot ha esplorato l’arte come un potenziale strumento per avviare la comunicazione tra bambino e terapeuta [3]. Ha sviluppato una tecnica in cui il bambino e il terapeuta lavorano insieme, che ha chiamato “il gioco degli scarabocchi” [3]. In questa tecnica, il terapista disegna uno scarabocchio su un foglio bianco, quindi il bambino aggiunge uno scarabocchio, seguito da un terzo scarabocchio e così via, fino a creare un’immagine.

Arte Terapia per i sopravvissuti ai disastri

Recentemente, un numero crescente di sopravvissuti ai disastri pediatrici è stato trattato con l’arte terapia. Il Child Study Center della NYU incoraggia e insegna ai genitori e ai tutori a usare l’arte come mezzo di comunicazione con i bambini dopo un evento stressante, avviando la conversazione, ad esempio, chiedendo informazioni sugli elementi formali dell’opera d’arte, come l’uso del colore o delle forme [ 7]. In seguito alla devastazione della costa del Golfo durante gli uragani Katrina e Rita, la Hyogo-NOMA Art Therapy Initiative ha fornito terapia artistica settimanale a oltre 250 bambini delle scuole pubbliche di New Orleans che altrimenti non avrebbero avuto accesso alle cure per la salute mentale. La terapista, Holly Wherry, MAAT, ha scelto l’ambiente scolastico in modo che i bambini potessero rimanere in un ambiente familiare e confortevole con un sistema di supporto integrato.

Rebekah Chilcote, una studentessa laureata in arteterapia all’epoca dello tsunami del 2004 in Sri Lanka, ha usato l’arteterapia per lavorare con 113 ragazze sopravvissute di età compresa tra 5 e 13 anni, selezionate dai loro insegnanti come quelle che mostravano i sintomi più acuti di dolore e trauma [8]. I bambini sono stati divisi in gruppi appropriati all’età di circa 10 ciascuno, che si sono incontrati una volta alla settimana per un mese. Chilcote ha spinto le ragazze ad esprimersi artisticamente su un determinato argomento (ad esempio, “la mia vita, me stesso” e “il giorno che non dimenticherò mai”) ​​e quindi presentare le loro opere d’arte al gruppo [8]. Chilcote ha concluso che l’arte è un intervento efficace e psicologicamente benefico per i bambini che hanno subito un trauma psicologico significativo e uno che può essere somministrato in modo interculturale [8].

L’ICAF, o International Child Art Foundation, fondata nel 1997, è una forza importante nel campo della terapia artistica in tutto il mondo. In seguito alla tragedia americana dell’11 settembre 2001, l’ICAF, in collaborazione con psichiatri e psicologi, ha chiesto ai bambini di usare la loro creatività per ridurre la trasmissione transgenerazionale di traumi e odio producendo una visione di pacifica convivenza [9].

Arte Terapia e trauma

Si è scoperto che l’arte è uno strumento particolarmente efficace per lavorare con adulti e bambini che affrontano un trauma. Un’esperienza traumatica può portare a un disturbo da stress acuto (ASD, ansia o dissociazione che dura per alcuni giorni o settimane dopo un fattore di stress) e disturbo da stress post-traumatico (PTSD, una costellazione più duratura di sintomi simili). In uno studio, i pazienti pediatrici affetti da ASD dopo abuso sessuale che sono stati trattati con arteterapia hanno mostrato una significativa riduzione dei sintomi [5]. Altre situazioni in cui i bambini sono trattati con l’arte terapia sono quelle associate a gravi malattie o lesioni, inclusi cancro, malattie renali, disturbi del dolore cronico e gravi ustioni.

L’esperienza traumatica è stata descritta come un duplice evento, soprattutto per i bambini. Il sé si dissocia durante il trauma, creando una frattura tra la consapevolezza cosciente tollerabile dell’evento e l’intollerabile memoria emotiva dell’evento che è nascosta nell’inconscio [6]. L’energia fisica, emotiva e mentale viene impiegata per mantenere le emozioni difficili lontane dalla mente cosciente. La neuroimaging mostra dissociazione (che si manifesta, ad esempio, come amnesia, depersonalizzazione, distacco emotivo e de-realizzazione) quando si tenta il richiamo di eventi traumatici. La corteccia frontale sinistra, in particolare l’area di Broca (responsabile della parola), rimane inattiva, mentre l’emisfero destro, in particolare la regione intorno all’amigdala, associata all’eccitazione emotiva e automatica, è particolarmente attivo [10].

I ricordi traumatici sembrano attecchire non nelle parti verbali e analitiche del cervello ma nelle regioni non verbali del sistema limbico, da cui la cognizione è in qualche modo distaccata (e che, postula Babette Rothschild, può fornire una sorta di collegamento con la mente inconscia ) [10]. Ciò compromette la capacità dei pazienti di comunicare con se stessi o con gli altri riguardo alle proprie esperienze [10]. I bambini possono essere ulteriormente limitati dalle abilità linguistiche ancora in via di sviluppo, il che rende le modalità di espressione non verbali, come l’arte, strumenti formidabili per il trattamento.

(Sadia Hussain, MD,  State University of New York (SUNY) Downstate / Kings County Hospital Center di Brooklyn.

Anziani e Truffe

Il Comune di Bologna con CISL,CGIL,UIL Pensionati ,Associazioni Anteas, Rivivere, S. Bernardo ha attivato un progetto di CONSIGLI, NUMERI UTILI, SERVIZI e SUPPORTO PSICOLOGICO per contrastare le truffe agli anziani, anche on line in crescita in quest’ultimo periodo di covid .

L’area Supporto Psicologico sarà curata da me per Associazione Anteas e dalla dr.ssa Bonarelli, per Associazione Rivivere.

Di seguito alcune informazioni utili per fruire i servizi

Anziani e Truffe

Il Comune di Bologna con CISL,CGIL,UIL Pensionati ,Associazioni Anteas, Rivivere, S. Bernardo ha attivato un progetto di CONSIGLI, NUMERI UTILI, SERVIZI e SUPPORTO PSICOLOGICO per contrastare le truffe agli anziani, anche on line in crescita in quest’ultimo periodo di covid .

L’area Supporto Psicologico sarà curata da me per Associazione Anteas e dalla dr.ssa Bonarelli, per Associazione Rivivere.

La Lettura: Tecniche

impara a fare l’anticipazione, mediante la quale si forma un’ipotesi da verificare.
° riporta rapidamente alla consapevolezza le conoscenze pre-esistenti sull’argomento specifico.
° orienta l’attenzione verso quel dato testo e argomento.
° da’ una motivazione alla lettura.
° concentrati rapidamente
° ripassa velocemente le informazioni già in suo possesso, relativamente a quel dato argomento

° programma per capire.
° tieni distinto ciò che conosci già da ciò che apprenderai

° favorisci l’integrazione fra cultura pre-esistente e nuovo apprendimento.
° agevola il fluire di idee, collegamenti e aggregazione fra i concetti.
° poniti dei quesiti prima, per evitare di confondersi durante o a fine lettura, e inizia a prepararti un determinato schema
mentale.
° impara a fare il pre-esame, mediante il quale individua cosa leggere in un testo e se è il caso di leggerlo.
° distingui i punti e i concetti più importanti da leggere e distingui in quali zone del testo sono raccolte le argomentazioni principali.
°determina dove variare la velocità di lettura in rapporto alle difficoltà presenti in quel determinato scritto.

Mnemotecniche: i loci di Cicerone

Codificato da Cicerone, che con questo metodo riusciva a memorizzare molte informazioni nuove, collegando ognuna di esse a un luogo o un elemento di un percorso perfettamente noto.
Pensate, ad esempio, al percorso che fate ogni giorno per andare da casa in ufficio o a scuola .
Scoprirete con quale facilità sia possibile visualizzare in ordine tantissimi loci abituali. La tecnica consiste nell’associare le cose da ricordare a questi luoghi, per poter richiamare in perfetto ordine l’intera sequenza di informazioni.

Le mnemotecniche: in che modo migliorano la memoria

Le mnemotecniche sono delle strategie mentali che favoriscono la memorizzazione di nomi, numeri, azioni da compiere e singole informazioni.

Tutte le volte in cui facciamo qualcosa di deliberato per irrobustire il ricordo mettiamo in atto delle strategie di memoria: facciamo un uso strategico della memoria compiendo operazioni attive intelligenti. Le mnemotecniche sono tecniche di memoria volte alla memorizzazione e che facilitano l’immagazzinamento e recupero di informazioni.

Le mnemotecniche: i metodi per migliorare il ricordo

Esistono numerosi modi in cui può essere elaborato il materiale che voglio ricordare, ma è poco probabile che la semplice intenzione di ricordare ci sia di aiuto, poiché l’uso passivo, meccanico e ripetitivo della memoria, senza sfruttarne la potenzialità strategica, favorisce poco l’elaborazione efficace del materiale da ricordare.
Specifici compiti di memoria possono essere risolti usando strategie interne (mnemotecniche) o strategie esterne (prendere appunti, usare sveglie e il famoso nodo al fazzoletto).

In base al tipo e alla quantità di informazione da memorizzare è possibile categorizzare i differenti metodi in tre gruppi:
1) metodi che migliorano il ricordo di singoli item: il metodo dei loci, la creazione di immagini mentali, il metodo dei link, il peg-system, la categorizzazione e prendere appunti;
2) metodi che migliorano il ricordo dei nomi: la tecnica facce-nomi;
3) metodi che migliorano il ricordo dei numeri: il sistema numero-consonante.

Messaggio pubblicitario1) Metodi per migliorare il ricordo di singole informazioni

METODO DEI LOCI. È una delle tecniche più conosciute e più antiche, in passato veniva utilizzata per ricordare i discorsi (Yates, 1966), ma è anche impiegata per memorizzare singoli item in sequenza come la lista della spesa o le azioni da compiere durante il giorno (Lorayne e Lucas, 1974). Si procede con la creazione di una sequenza di luoghi (loci), meglio se ben conosciuti (come ad esempio tutti i luoghi che incontro nel tragitto da casa al lavoro). Questa sequenza è fondamentale e, perché la strategia sia utile, deve essere appresa perfettamente, automatizzata. Nella fase di codifica del materiale il primo item da ricordare deve essere associato al primo luogo della lista, il secondo item al secondo luogo e così via. Quando dovrò richiamare il materiale dovrò ripercorrere mentalmente la sequenza di luoghi partendo dal primo, che costituisce il cue (l’aggancio) e che favorirà il ricordo del primo item, e procedendo nello stesso modo fino all’ultimo luogo per ricordare l’ultimo item.

CREAZIONE DI IMMAGINI MENTALI. È un’abilità di codifica di base che richiede meno risorse cognitive rispetto alla tecnica dei loci. Consiste nella formazione di scenari mentali molto vividi per consentire il ricordo dell’informazione.

METODO DEI LINK. Come la tecnica precedente, anche questa richiedere meno dispendio cognitivo e consiste nell’associare ogni item della lista a quello precedente. Questa strategia, insieme a quella delle immagini, può anche essere utilizzata per formare immagini interattive di più item invece di immaginarne uno alla volta (Stigsdotter Neely e Bäckman, 1993b).

PEG-SYSTEM. È simile al metodo dei loci e prevede la memorizzazione di dieci parole di riferimento in rima con i numeri da 1 a 10 (ad esempio 1-pruno, 7-vette o 10-ceci). Ogni item viene associato attraverso immagini interattive a ciascuna parola di riferimento, che costituisce il peg (l’aggancio) per l’item: se ad esempio il primo item da ricordare è “sciarpa” si può immaginare una sciarpa su un pruno e così via. Per ricordare gli item procederò in ordine da 1 a 10 e attraverso il peg recupererò le immagini elaborate.

CATEGORIZZAZIONE. È il metodo più usato nella vita quotidiana e prevede il raggruppamento in categorie specifiche degli item da ricordare. Richiede l’abilità di ristrutturare e classificare gli stimoli in base ai loro elementi caratteristici, costruendo categorie in cui inserirli.

PRENDERE APPUNTI. Probabilmente è la strategia quotidiana più usata ed è il mezzo più ovvio per ricordare singole informazioni, ma non per questo meno efficace. Tecniche interne, come il metodo dei loci, e tecniche esterne, come prendere appunti, sono complementari. In alcune circostanze il prendere nota è preferibile rispetto a metodi interni, ma in altre occasioni è vero il contrario (Intons-Peterson e Fournier, 1986).

2) Metodi per migliorare il ricordo di nomi

I nomi sono elementi difficili da ricordare, in particolare se hanno una natura astratta. Vengono usate molte tecniche per migliorare il ricordo dei nomi (Higbee, 1988), ne esistono di più complesse, come ad esempio quelle che si basano sulla trasformazione delle immagini, e di più semplici. Tra quelle complesse rientrano le mnemotecniche facce-nomi usata da Yesavage (1983), composta da tre fasi:
a) scegliere una caratteristica rilevante del volto;
b) mettere in atto una concreta trasformazione in immagine del nome della persona;
c) formare un’immagine visiva interattiva collegando la trasformazione del nome alla caratteristica facciale prominente.

È un metodo che richiede un notevole dispendio cognitivo, ma esistono anche dei modi per semplificarlo senza comprometterne l’efficacia, come ad esempio usare solo la fase b), privilegiando quindi l’elaborazione del nome e la sua trasformazione in una rappresentazione visiva.

Sempre per diminuire la richiesta di risorse cognitive, si usano sia strategie che elaborano i nomi da ricordare associandoli a conoscenze pregresse, come ad esempio pensare a qualcuno di conosciuto con lo stesso nome, sia la tecnica “spaced retrieval”: si ripete il nome da ricordare aumentando di volta in volta l’intervallo tra una ripetizione e l’altra.

Messaggio pubblicitario3) Metodi per migliorare il ricordo di numeri

Una mnemotecnica tra le più conosciute per ricordare i numeri è il sistema numero-consonante (Higbee, 1988), simile al metodo dei loci. È composto da quattro fasi:
a) memorizzare una serie di coppie cifra-consonante (ad esempio 1=T o D; 5=L; 9=P o B) fino a che non sia super-appresa e automatica;
b) trasformare la stringa di numeri da ricordare in una sequenza di consonanti alla quale unire vocali per formare una parola;
c) memorizzare la parola formata;
d) trasformare la parola nella stringa originale di numeri.

Strategie come questa possono essere utili per codici che non vengono usati ogni giorno, perché quando l’uso è quotidiano il codice viene super-appreso e automatizzato rendendo superflua la necessità di un’elaborazione complessa.

Una delle critiche più frequenti rivolta all’uso delle mnemotecniche più complesse (come il metodo dei loci o quello facce-nomi) si centra sulla difficoltà di applicazione in situazioni quotidiane perché molto articolate, tanto da risultare a volte anche inappropriate; ma è anche vero che l’uso sistematico di queste strategie consente di ottenere in breve tempo miglioramenti nelle performance di memoria.

Bibliografia

  • Higbee, K. L. (1988). Your memory: how it works and how to improve it. New York: Paragon House.
  • Hill, R. D., Bäckman, L. e Stigsdotter Neely, A. (2000), Cognitive Rehabilitation in Old Age. Oxford: Oxford University Press.
  • Intons-Peterson, M. J. e Fournier, J. (1986). External and internal memory aids: when and how often do we use them? Journal of Experimental Psychology: General, 115, 267-280.
  • Lorayne, E. E. e Lucas, J. (1974). The memory book. New York: Stein & Day.
  • Stigsdotter Neely, A. e Bäckam, L. (1993b). Maintenance of gains following multifactorial and unifactorial memory training in late adulthood. Educational Gerontology, 19, 105-117.
  • Yates, F. A. (1966). The art of memory. London: Routledge.
  • Yesavage, J. A. (1983). Imagery pretraining and memory training in the elderly. Gerontology, 29, 271-275.
    Per saperne di più: https://www.stateofmind.it/2017/04/mnemotecniche-migliorano-memoria/  (Francesca Soresi)

Acufene: il suono dello stress

Abbiamo chiesto alla Dott.ssa Gabriella Castagnoli, Psicologa e Terapeuta espressiva certificata, di spiegarci quali sono i risvolti psicologici legati all’acufene.

Dalle sue considerazioni emerge l’importanza di un approccio multidisciplinare, psicologico e audiologico, per il trattamento di questo problema che affligge un numero sempre crescente di persone.

Dall’analisi della letteratura emerge che il vissuto stressogeno associato all’acufene è solo parzialmente spiegabile dagli aspetti psico acustici come l’intensità del tinnitus o la sua durata. Gli studi suggeriscono che la percezione dell’acufene e il livello di stress psico-fisico siano fortemente influenzati dal rapporto che il paziente ha con l’acufene, i pensieri disfunzionali e le emozioni negative emerse da una condizione di cronicità. Ciò significa che tanto più il paziente considera l’acufene un handicap nello svolgimento delle attività quotidiane e qualcosa di cui ci si deve liberare prima possibile, tanto più il sintomo sarà percepito con intensità e associato a sintomi di disagio psico-fisico (come insonnia, ansia, depressione, apatia, abulia, difficoltà di concentrazione, ecc). Dunque possiamo ragionevolmente ipotizzare che l’acufene sia modulato dallo stress. Tuttavia, ci sono pochi dati empirici per supportare il legame tra stress e tinnito.

Specificatamente in questa fase di post covid e parziale ripresa dei contagi sembra di particolare importanza l’attenzione agli aspetti psico emotivi oltre che fisiologici legati da questo disturbo.

Riteniamo di importanza centrale alla miglior riuscita dell’intervento la presa in carico degli aspetti psicoeducativi e di trattamento dell’acufene in un approccio multidisciplinare e integrato  che vede le  tecniche psicologiche in sinergia con tecniche di audiologia e audioprotesi.

Il trattamento degli aspetti psicologici legati all’acufene

Un aspetto importante  del trattamento degli aspetti psicologici legati all’acufene è l’attivazione di un processo di  abituazione, cioè un processo di apprendimento caratterizzato da una progressiva riduzione dell’attenzione dall’acufene.

I circuiti implicati nel mantenimento dell’acufene sono gli stessi che mediano la percezione del sentire in tutti noi, ciò che cambia nei soggetti con sindrome da tinnitus è come funzionano. Secondo il modello neurofisiologico di Jastreboff e Hazell (1993) nell’acufene soggettivo si verifica un difetto di codifica: il filtro attentivo è come se si fosse fissato su quel suono a cui il sistema emozionale continua a dare estrema importanza.

Questo spiegherebbe il circolo vizioso che si crea tra il suono percepito, le emozioni negative ad esso associate (irritazione, rabbia, tristezza, paura) e l’attenzione volontaria costantemente rivolta all’acufene.

Secondo gli autori sfruttando il meccanismo della plasticità neuronale è possibile rompere questa catena disfunzionale allenando il nostro cervello a imparare nuove e virtuose strade che connettono il suono dell’acufene e le reazioni emotive.

Creare un circolo virtuoso tra acufene ed emozioni necessita un lavoro sull’accettazione del sintomo e sulle emozioni di ansia e depressione che si associano ad esso.

Per accettazione s’intende il ricevere, sentire e in questo contesto ci riferiamo all’accoglimento non giudicante di ciò che si vive (sensazioni fisiche, pensieri, emozioni). Non deve essere confuso con passività, rassegnazione o pensiero positivo.

L’accettazione qui intesa consiste in un processo attivo di apertura ad un’esperienza, compresi i suoi aspetti che non possiamo controllare. Solamente accogliendoli, guardandoli, possiamo vedere l’esperienza nella sua totalità, identificando al contempo quegli aspetti su cui possiamo agire.

L’approccio multidisciplinare volto alla gestione dell’acufene può comprendere:

  • Incontri psicoeducativi di gruppo volti a informare su acufene e presentazione dell’approccio multidisciplinare integrato (tecnico audio, psicologico);
  • Supporto psicologico individuale per fornire informazioni e consigli sul problema. Si sostiene  la persona nell’abituarsi alla percezione del  suono fantasma  e a far fronte alle sue potenziali conseguenze come disagio emotivo, difficoltà del sonno, , diminuzione di concentrazione. Occorre aiutare le persone a comprendere e conoscere da vicino il loro acufene , correggere false credenze  e porsi obiettivi realistici ;
  • Consulenza e supporto psicologico ai familiari e conviventi delle persone che soffrono di acufene;
  • Terapia del suono con piccoli generatori sonori che riproducono  suoni come onde del mare. pioggia, ecc utili a rilassarsi e ridurre la percezione del suono fantasma:
  • Tecniche di rilassamento , respirazione e visualizzazione  mediante dalla mindfullness;
  • Ristrutturazione cognitiva individuale con l’obiettivo di ridurre la sensazione di avere un handicap. Ristrutturazione di credenze , pensieri ed emozioni  associati all’acufene che procurano sofferenza.. Facilitare l’idea che il disturbo non valga tutta l’attenzione che gli si dedica e che vada accettato.

Dott.ssa Gabriella Castagnoli

Esistono diverse tipologie di acufene e ci sono diversi modi per trattare questo disturbo.

Il nostro approccio multidisciplinare permette di associare il Metodo Tomatis® ad altri percorsi su misura: chiamaci allo 051 4859072 per una consulenza gratuita.

DIETA MEDIATICA

Per aiutare le famiglie americane a mantenere una dieta mediatica salutare, l’AAP raccomanda a genitori ed educatori di collaborare per stendere un “piano media” (Family Media Use Plan Tool) che tenga in considerazione la salute, l’educazione e il divertimento di tutti i bambini e i componenti della famiglia.

Si parte infatti dal presupposto che i media, se utilizzati in modo appropriato e in linea con i propri valori e stile parentali, possano anche aiutarci nella vita quotidiana.

Al contrario, se utilizzati in modo inappropriato o inconsapevole, possono sostituire rovinosamente occasioni importanti di dialogo, confronto faccia a faccia, gioco all’aria aperta, riposo…

Per questo è stato pensato di mettere a disposizone delle famiglie americane un Media Use Plan , per capire se stanno utilizzando una buona strategia di utilizzo degli schermi con i propri bambini o se è meglio che introducano delle nuove e più salutari abitudini.