Blog

Paternità

Un bravo padre …” dovrebbe proteggere l’unione speciale tra madre e bambino, alternarsi con lei  nelle cure primarie, tollerando poi di restarne estromesso, rintuzzando in se stesso i sentimenti di invidia e gelosia. Progressivamente, dovrebbe introdurre nella coppia fusionale di mamma e figlio il seme delicato del distacco e della separazione durante le varie tappe della crescita: l’addormentamento nel lettino, lo svezzamento, l’andata a scuola, l’incontro con i compagni e lo sport…. Nel contempo , dovrebbe attrarre la compagna, sedurla alla sessualità, reclamare anche per sé uno spazio di attenzione e affetti….”

“Il padre materno” S. Argentieri

La scuola: luogo di apprendimento e crescita relazionale

Associazione Primola via Lippi Imola

26 settembre ore 20.30

Introdurremo il tema della scuola come luogo di apprendimento e di crescita relazionale introducendo possibilità e strumenti utili a renderla tale.

Conduce Ilina Montanari – Associazione Primola

Esperienze Traumatiche. Lasciare il passato nel passato

7 ottobre 2022 ore 20.30

LINFA Sala Foschi – via del Fanciullo 6 – Casalecchio di Reno

Nell’ambito della rassegna “Robe da matti” promossa dall’Associazione Psicosfere , parleremo di trauma ed esperienze traumatiche in un dialogo dedicato a tutte le persone che desiderano saperne di più su un tema che ultimamente, con l’esperienza Covid, ha interessato molti/e.

Esperienze traumatiche. Lasciare il passato nel passato

Sala Porto via dello Scalo 21 Bologna

5 ottobre ore 20.30

Nell’ambito della rassegna “Robe da matti” promossa dall’Associazione Psicosfere parleremo di trauma , esperienze traumatiche e possibili strumenti per gestirle.

Sarà una una serata dedicata alla divulgazione di un tema psicologico che ci ha recentemente toccati attraverso l’esperienza del Covid da molti vissuta come traumatica.

PSICOLOGIA AMBIENTALE E SCUOLA DELL’INFANZIA. Le diverse modalita’ di organizzazione dell’ambiente (per esempio la sistemazione degli spazi, degli arredi, – ppt scaricare

Tutto cio’ si riflette naturalmente sul piano dello sviluppo cognitivo ed anche sulla qualita’ dei rapporti sociali ( per esempio, con un aumento delle diposizioni collaborative e la diminuzione di alcune forme di aggressivita’).

Sorgente: PSICOLOGIA AMBIENTALE E SCUOLA DELL’INFANZIA. Le diverse modalita’ di organizzazione dell’ambiente (per esempio la sistemazione degli spazi, degli arredi, – ppt scaricare

Matisse e il Jazz da guardare

Henri Matisse (1869-1954) è uno degli artisti più gioiosi di tutti i tempi. L’arte è per lui una festa di forme colorate, sintetiche e vitali. Il piacere di creare non lo abbandona neanche quando, nel 1941, subisce un delicato intervento chirurgico per via di un tumore intestinale che lo costringe in sedia a rotelle mentre l’artrosi gli impedisce di usare il pennello.
È così che inventa i papiers découpés (letteralmente carte ritagliate), immagini ottenute tagliando con le forbici la carta precedentemente colorata a tempera dalla sua assistente.

Ne escono fuori i cosiddetti “cut-out”, sagome monocromatiche estremamente essenziali.

Con questi ritagli Matisse realizza tra il 1944 e il 1947 un intero libro di 150 pagine che intitola Jazz. Al suo interno le pagine scritte a mano col pennello si alternano a 20 litografie ricavate dai suoi cut-out e ispirate ai suoi viaggi, al circo  e ai racconti popolari.

Il titolo del libro fa riferimento all’idea di improvvisazione tipica della musica jazz con cui Matisse ha concepito l’opera: un “concerto” per forme e colori che passa dal “pianissimo” delle pagine scritte al “fortissimo” delle figure.

Non era la prima volta che un artista cercava di esprimere le sensazioni ritmiche e sonore prodotte dalla musica attraverso le immagini. Ci aveva già provato Kandinsky che aveva teorizzato precise relazioni tra colori, suoni e sensazioni.
Matisse, invece, non cerca regole razionali ma si lascia guidare dal suo istinto muovendo le forbici con destrezza e accostando tra loro i ritagli. “Il jazz è ritmo e significato”, dice il pittore. È qualcosa che si sente dentro e sgorga in modo spontaneo producendo armonia.

(Emanuela Pulvirenti )

La ricerca mostra gli effetti antidolorifici del CBD: il CBD non sembra ridurre l’intensità del dolore sperimentale, ma rende l’esperienza del dolore meno spiacevole.

È stato salutato come una droga miracolosa e sta sicuramente creando profitti miracolosi. Secondo alcune stime, il mercato del cannabidiolo (o CBD) potrebbe valere 20 miliardi di dollari entro il 2024. Mentre gli utenti ne pubblicizzano l’efficacia nell’alleviare il dolore, fino ad ora c’è stata una limitata ricerca sperimentale sull’uomo sull’effettiva efficacia del farmaco.

Tuttavia, un nuovo studio condotto dai ricercatori della Syracuse University fa luce sulla capacità del CBD di ridurre il dolore insieme all’impatto che il cosiddetto effetto placebo può avere sugli esiti del dolore.

“Per la scienza e il pubblico in generale la domanda è rimasta, è il sollievo dal dolore che gli utenti di CBD affermano di provare a causa degli effetti farmacologici o degli effetti placebo”, ha chiesto Martin De Vita, un ricercatore del dipartimento di psicologia del College of Arts and Sciences della Syracuse University .

“Questa è una domanda giusta, perché sappiamo che semplicemente dire a qualcuno che una sostanza ha la capacità di alleviare il dolore può effettivamente causare forti cambiamenti nella sua sensibilità al dolore. Questi sono chiamati effetti di aspettativa. “

De Vita, insieme al professor Stephen Maisto di psicologia emerito di Siracusa, erano preparati in modo unico a rispondere a quella domanda esatta. La coppia, insieme al collega membro del laboratorio e candidato al dottorato Dezarie Moskal, aveva precedentemente condotto la prima revisione sistematica e meta-analisi della ricerca sperimentale esaminando gli effetti dei farmaci cannabinoidi sul dolore.

Come primo studio sperimentale sul dolore ad esaminare il CBD, il loro studio ha prodotto risultati coerenti e degni di nota.

Tra le altre scoperte, i dati hanno mostrato che il CBD e le aspettative di ricevere CBD non sembrano ridurre l’intensità del dolore sperimentale, ma rendono il dolore meno sgradevole.

De Vita e Maisto hanno utilizzato apparecchiature sofisticate che inducono in modo sicuro dolore da calore sperimentale, consentendo loro di misurare il modo in cui il sistema nervoso del ricevente reagisce e risponde ad esso.

“Quindi somministriamo un farmaco, come il CBD puro, o un placebo e poi rivalutiamo le loro risposte al dolore e vediamo come cambiano in base a quale sostanza è stata somministrata”, ha detto De Vita

I ricercatori hanno quindi fatto un ulteriore passo avanti manipolando le informazioni fornite ai partecipanti sulle sostanze che hanno ricevuto.

In alcuni casi, ai partecipanti è stato detto che avevano il CBD quando avevano effettivamente ricevuto un placebo, o che avrebbero ricevuto un placebo quando avevano effettivamente preso il CBD.

“In questo modo potevamo analizzare se era il farmaco ad alleviare il dolore o se era l’aspettativa di aver ricevuto il farmaco a ridurre il dolore”, secondo De Vita.

“Abbiamo ipotizzato di rilevare principalmente l’analgesia placebo indotta dall’aspettativa (sollievo dal dolore). Quello che abbiamo scoperto dopo aver misurato diversi risultati del dolore è che in realtà è un po ‘entrambi. Cioè, abbiamo riscontrato miglioramenti nelle misure del dolore causati dagli effetti farmacologici del CBD e dagli effetti psicologici del solo aspettarsi di aver assunto il CBD. È stato davvero notevole e sorprendente. “

“I dati sono entusiasmanti ma piuttosto complessi in quanto le diverse misure del dolore hanno risposto in modo diverso all’effetto del farmaco, all’aspettativa, o sia il farmaco che l’aspettativa combinati, quindi stiamo ancora cercando di capire cosa c’è dietro i dati differenziali con tipi diversi di misure del dolore “, ha detto Maisto.

“Il passo successivo è studiare i meccanismi alla base di questi risultati e capire perché dare istruzioni o il CBD stesso provoca determinate reazioni a uno stimolo doloroso”.

La maggior parte delle persone pensa al dolore come a un interruttore di accensione e spegnimento, lo hai o non lo fai. Ma il dolore, come lo descrive De Vita, è un fenomeno complesso con diverse dimensioni influenzate da fattori psicologici e biologici. Ad esempio, mentre l’intensità del dolore riflette una dimensione “sensoriale” del dolore, la spiacevolezza rappresenta un aspetto “affettivo” o emotivo del dolore.

“Se pensi al dolore come al rumore nocivo proveniente da una radio, il volume può rappresentare l’intensità del dolore, mentre la stazione può rappresentare la qualità”, ha detto De Vita. I risultati del suo studio precedente hanno mostrato che mentre i farmaci cannabinoidi non stavano riducendo il volume del dolore, stavano “cambiando il canale rendendolo un po ‘meno sgradevole”.

Secondo De Vita, “Non è piacevole il sole e gli arcobaleni, ma qualcosa di leggermente meno fastidioso. Lo abbiamo replicato in questo studio e abbiamo scoperto che il CBD e le aspettative non riducevano in modo significativo il volume del dolore, ma lo rendevano meno sgradevole, non li infastidiva più di tanto “.

Come parte dello studio, De Vita e Maisto hanno sviluppato protocolli sperimentali avanzati di misurazione del dolore “per aprire il cofano e iniziare a guardare alcuni di questi altri processi meccanicistici del dolore”, ha detto De Vita.

“Non è solo dolore, sì o no, ma ci sono queste altre dimensioni del dolore, e sarebbe interessante vedere quali vengono presi di mira. Abbiamo scoperto che a volte gli effetti farmacologici del CBD hanno ridotto alcuni di questi, ma le aspettative no. A volte lo facevano entrambi. A volte era solo l’aspettativa. E così, ci stavamo addentrando pensando che stavamo per rilevare principalmente il sollievo dal dolore indotto dall’aspettativa, ma quello che abbiamo scoperto era molto più complesso di quello e questo è eccitante “.

Una nota importante da considerare è anche la fonte del CBD. “Quello che abbiamo usato nel nostro studio era olio puro di isolato di CBD”, ha detto De Vita.Guarda anche


” Gli effetti del cannabidiolo e delle aspettative analgesiche sulla reattività sperimentale al dolore in adulti sani: uno studio di design con placebo bilanciato( ” di Martin J. De Vita et al. Psicofarmacologia sperimentale e clinica)