“ACUFENE: una cure è possibile? Cause e e trattamenti”

E’ con grande piacere che do notizia della seconda edizione del Webinar gratuito
online “Acufene: una cura è possibile? Cause e trattamenti”.

Si terrà venerdì 26 febbraio alle h. 18.00.

 Nel corso del webinar analizzeremo le possibili cause dell’acufene,

i modi in cui il fastidio si manifesta,

le strategie da mettere in campo per gestirlo e

l’approccio multidisciplinare e integrato che permette di risolvere il problema.

Ci sarà spazio per porre domande e richieste di precisazioni.


Per partecipare:

collegarsi su Facebook alla pagina di Aures Bologna

L’architettrice di Melania Mazzucco

“Si spengono le stelle, tramonta il sole ogni giorno, tutto ciò che perisce feconda la terra, il serpento ouroboros non ha fine nè inizio, mi sono riconciliata con la natura di ogni cosa vivente e con la mia. Forse, per questo, finalmente credo” fa dire l’autrice , Melania Mazzucco, a Plautilla Briccia, pittrice e architettrice del 1600, di cui tratteggia il ritratto di donna straordinaria. Abilissima a non far parlare di sè e a celare audacia e sogni per poter realizzare l’impresa : una villa di delizie sul colle che domina Roma disegnata, progettata ed eseguita da Plautilla stessa: la prima architettrice della storia moderna.

Di lei non ci resta immagine.. solo le sue opere di pittura, disegno e progetti d’architettura.

La resilienza nei bambini

La resilienza aiuta a trasformare un fallimento in opportunità.

Data l’importanza della resilienza nella vita dei bambini, cerchiamo di capire come sostenerla o coltivarla. L’American Psychological Association (APA) ha stilato un serie di 10 consigli che possono essere utili ai genitori, che non consistono tanto in un indottrinamento, ma nella creazione di uno stile di vita improntato alla resilienza.

Eccoli qui di seguito:

  1. Creare dei legami: incoraggiare il bambino a creare dei legami e a sviluppare empatia per gli altri invece di mettersi in competizione.
  2. Aiutare il bambino ad avere un atteggiamento di aiuto: il bambino che si sente da solo può comprendere come chiedere aiuti offrendosi lui stesso come appoggio agli altri.
  3. Routine giornaliera: una routine aiuta a sentirsi padrone del tempo e delle proprie attività
  4. Prendersi una pausa: in una routine il prendersi una pausa diventa un modo per evitare di essere sempre troppo preoccupati che le cose “vadano per il verso giusto”. Ogni tanto occorre concedersi un pò di tempo libero.
  5. Insegnare a prendersi cura di sè: i bambini devono imparare gli impegni, ma anche il relax e il tempo libero da autogestirsi.
  6. Pensare a degli obiettivi: è utile stabilire delle tappe che però siano adeguate all’età e alle capacità personali.
  7. Nutrire una visione positiva di sé: sottolineare come si è riusciti a superare gli ostacoli e le sfide per aiutarlo a non abbattersi davanti a quelle future.
  8. Offrire una prospettiva: i bambini non riescono ancora ad inquadrare i comportamenti e gli avvenimenti in una prospettiva a lungo termine.
  9. Auto-conoscenza: nelle piccole avversità i bambini scoprono molto di loro stessi, si può aiutarli a comprendere come sono cambiati.
  10. Accettare il cambiamento come parte della vita: i cambiamenti spaventano, occorre aiutare i bambini a vederli come opportunità per crescere e sperimentarsi in qualcosa di nuovo.

FRATTALI

La natura produce molti esempi di forme molto simili ai frattali. Ad esempio in un albero, soprattutto nell’abete, ogni ramo è approssimativamente simile all’intero albero e ogni rametto è a sua volta simile al proprio ramo e così via; è anche possibile notare fenomeni di auto-similarità nella forma di una costa: con immagini riprese da satellite man mano sempre più grandi si può notare che la struttura generale di golfi più o meno dentellati mostra molte componenti che, se non identiche all’originale, gli assomigliano comunque molto. Frattali sono presenti anche nel profilo geomorfologico delle montagne, nelle nubi, nei cristalli di ghiaccio, in alcune foglie e fiori. Secondo Mandelbrot, le relazioni fra frattali e natura sono più profonde di quanto si creda.

«Si ritiene che in qualche modo i frattali abbiano delle corrispondenze con la struttura della mente umana, è per questo che la gente li trova così familiari. Questa familiarità è ancora un mistero e più si approfondisce l’argomento più il mistero aumenta»
(Benoît Mandelbrot)

ARTE TERAPIA : sopravvivere ai disastri

L’arte terapia è un campo in crescita del trattamento della salute mentale che utilizza l’arte come forma di comunicazione illustrativa. L’approccio si basa sulla convinzione che il processo creativo, agendo come una forma di espressione subconscia, possa aiutare a identificare i conflitti interiori, generare autostima e consapevolezza di sé, ridurre lo stress e ricostruire un senso fisico, emotivo e sociale generale di benessere. Si ritiene che l’arteterapia sia particolarmente preziosa per il trattamento dei bambini, che spesso mancano delle capacità sociali o verbali per esprimere i propri pensieri ed emozioni, in particolare quando hanno subito un trauma.

Storia e principi

Il campo della terapia artistica è stato sviluppato nel corso degli anni Quaranta e Cinquanta grazie all’impegno di pochi teorici che lavoravano indipendentemente l’uno dall’altro. La psicoterapeuta ed educatrice Margaret Naumburg ha aperto la strada al suo utilizzo con i pazienti psichiatrici e ha pubblicato vari lavori sull’argomento, tra cui Studi sull’espressione  artistica “libera” del problema comportamentale Bambini e adolescenti come mezzo di diagnosi e terapia  (1947) e  Arte schizofrenica: il suo significato in psicoterapia (1950). Naumburg si è basato sull’analisi di Sigmund Freud dell’immaginario del sogno come presenza del sé inconscio. Freud ha scritto: “Lo sperimentiamo [un sogno] prevalentemente in immagini visive…. Parte della difficoltà di rendere conto dei sogni è dovuta al fatto che dobbiamo tradurre queste immagini in parole ”[1]. I metodi psicoterapeutici di Freud si basavano sulla libera associazione e sull’idea di “catarsi”, durante la quale l’inconscio si rivela al conscio. Naumburg vedeva l’arte come in grado di connettere questi due, diventando una finestra all’interno del sé che avrebbe permesso al conscio di “ascoltare” l’inconscio. Questo è il principio alla base dell’arteterapia: l’idea di “disegnare dall’interno” [2].

Pochi anni dopo Naumburg, Edith Kramer emerse sulla scena dell’arte terapia. Kramer, un artista che fuggì da Praga prima della prima guerra mondiale, insegnò lezioni d’arte ai bambini rifugiati della Germania nazista. Sentiva che la creatività coinvolta nella produzione d’arte aveva il potenziale per guarire consentendo il trasferimento di alcuni impulsi ed emozioni nelle immagini [3]. Quando Kramer arrivò negli Stati Uniti nel 1951, lavorava come arteterapeuta con i bambini a Wiltwyck, una scuola residenziale per bambini mentalmente disturbati a New York City. Mentre la teoria di Naumburg si concentrava sull’idea di rendere conscio l’inconscio attraverso l’arte, Kramer enfatizzava il potenziale di guarigione del processo creativo stesso [3, 4]. I metodi di Naumburg riflettevano il suo ruolo di medico primario, mentre le teorie di Kramer erano più definite dal suo status di terapista aggiunto [4].

L’arteterapia ha tre principali vantaggi per il paziente: (1) coinvolge il corpo fisico nel rilassamento attraverso la manipolazione di materiali artistici, (2) consente al paziente di impegnarsi in un esercizio introspettivo personalizzato in cui il processo e il prodotto finito diventano ” contenitore simbolico di ricordi traumatici ”[5], e (3) permette la riflessione cognitiva attraverso la discussione dell’opera d’arte [5]. Quest’ultima componente, in particolare, migliora la relazione terapeuta-paziente. Il processo di creazione artistica può aiutare a bypassare i centri verbali del cervello, consentendo al terapeuta di esaminare e discutere in sicurezza i pensieri manifestati in modo fisico e visivo [6].

Nel 1971, il pediatra britannico Donald Winnicot ha esplorato l’arte come un potenziale strumento per avviare la comunicazione tra bambino e terapeuta [3]. Ha sviluppato una tecnica in cui il bambino e il terapeuta lavorano insieme, che ha chiamato “il gioco degli scarabocchi” [3]. In questa tecnica, il terapista disegna uno scarabocchio su un foglio bianco, quindi il bambino aggiunge uno scarabocchio, seguito da un terzo scarabocchio e così via, fino a creare un’immagine.

Arte Terapia per i sopravvissuti ai disastri

Recentemente, un numero crescente di sopravvissuti ai disastri pediatrici è stato trattato con l’arte terapia. Il Child Study Center della NYU incoraggia e insegna ai genitori e ai tutori a usare l’arte come mezzo di comunicazione con i bambini dopo un evento stressante, avviando la conversazione, ad esempio, chiedendo informazioni sugli elementi formali dell’opera d’arte, come l’uso del colore o delle forme [ 7]. In seguito alla devastazione della costa del Golfo durante gli uragani Katrina e Rita, la Hyogo-NOMA Art Therapy Initiative ha fornito terapia artistica settimanale a oltre 250 bambini delle scuole pubbliche di New Orleans che altrimenti non avrebbero avuto accesso alle cure per la salute mentale. La terapista, Holly Wherry, MAAT, ha scelto l’ambiente scolastico in modo che i bambini potessero rimanere in un ambiente familiare e confortevole con un sistema di supporto integrato.

Rebekah Chilcote, una studentessa laureata in arteterapia all’epoca dello tsunami del 2004 in Sri Lanka, ha usato l’arteterapia per lavorare con 113 ragazze sopravvissute di età compresa tra 5 e 13 anni, selezionate dai loro insegnanti come quelle che mostravano i sintomi più acuti di dolore e trauma [8]. I bambini sono stati divisi in gruppi appropriati all’età di circa 10 ciascuno, che si sono incontrati una volta alla settimana per un mese. Chilcote ha spinto le ragazze ad esprimersi artisticamente su un determinato argomento (ad esempio, “la mia vita, me stesso” e “il giorno che non dimenticherò mai”) ​​e quindi presentare le loro opere d’arte al gruppo [8]. Chilcote ha concluso che l’arte è un intervento efficace e psicologicamente benefico per i bambini che hanno subito un trauma psicologico significativo e uno che può essere somministrato in modo interculturale [8].

L’ICAF, o International Child Art Foundation, fondata nel 1997, è una forza importante nel campo della terapia artistica in tutto il mondo. In seguito alla tragedia americana dell’11 settembre 2001, l’ICAF, in collaborazione con psichiatri e psicologi, ha chiesto ai bambini di usare la loro creatività per ridurre la trasmissione transgenerazionale di traumi e odio producendo una visione di pacifica convivenza [9].

Arte Terapia e trauma

Si è scoperto che l’arte è uno strumento particolarmente efficace per lavorare con adulti e bambini che affrontano un trauma. Un’esperienza traumatica può portare a un disturbo da stress acuto (ASD, ansia o dissociazione che dura per alcuni giorni o settimane dopo un fattore di stress) e disturbo da stress post-traumatico (PTSD, una costellazione più duratura di sintomi simili). In uno studio, i pazienti pediatrici affetti da ASD dopo abuso sessuale che sono stati trattati con arteterapia hanno mostrato una significativa riduzione dei sintomi [5]. Altre situazioni in cui i bambini sono trattati con l’arte terapia sono quelle associate a gravi malattie o lesioni, inclusi cancro, malattie renali, disturbi del dolore cronico e gravi ustioni.

L’esperienza traumatica è stata descritta come un duplice evento, soprattutto per i bambini. Il sé si dissocia durante il trauma, creando una frattura tra la consapevolezza cosciente tollerabile dell’evento e l’intollerabile memoria emotiva dell’evento che è nascosta nell’inconscio [6]. L’energia fisica, emotiva e mentale viene impiegata per mantenere le emozioni difficili lontane dalla mente cosciente. La neuroimaging mostra dissociazione (che si manifesta, ad esempio, come amnesia, depersonalizzazione, distacco emotivo e de-realizzazione) quando si tenta il richiamo di eventi traumatici. La corteccia frontale sinistra, in particolare l’area di Broca (responsabile della parola), rimane inattiva, mentre l’emisfero destro, in particolare la regione intorno all’amigdala, associata all’eccitazione emotiva e automatica, è particolarmente attivo [10].

I ricordi traumatici sembrano attecchire non nelle parti verbali e analitiche del cervello ma nelle regioni non verbali del sistema limbico, da cui la cognizione è in qualche modo distaccata (e che, postula Babette Rothschild, può fornire una sorta di collegamento con la mente inconscia ) [10]. Ciò compromette la capacità dei pazienti di comunicare con se stessi o con gli altri riguardo alle proprie esperienze [10]. I bambini possono essere ulteriormente limitati dalle abilità linguistiche ancora in via di sviluppo, il che rende le modalità di espressione non verbali, come l’arte, strumenti formidabili per il trattamento.

(Sadia Hussain, MD,  State University of New York (SUNY) Downstate / Kings County Hospital Center di Brooklyn.

LETTI A DICEMBRE 2020

ragazzainrosso

Salve lettori, buon anno a tutti voi. Finalmente abbiamo salutato il 2020 riservando tantissime aspettative nel 2021, sarà, questo, un anno migliore? Lo speriamo tutti. Prima di tuffarci in questi nuovi trecentosessantacinque giorni, riepiloghiamo insieme le letture (tutte a tema natalizio) che mi hanno tenuto compagnia durante lo scorso dicembre.

  • Prima lettura del mese è stata La mia indimenticabile vacanza da sognodi Catherine Ferguson, edito Newton Compton. Ho trovato questo romanzo davvero piacevole, incentrato sulla determinazione femminile e sul Natale condiviso tra avventure e imprevisti di ogni genere. Valutazione: 4/5;
  • Prima delusione del mese è stata Una romantica sorpresa solo per te di Jenny Bayliss, edito Newton Compton editori. Nonostante la trama accattivante, questo romanzo non è riuscito a coinvolgermi quanto avrei voluto a causa del ritmo e della struttura narrativi che, a mio parere, sono risultati piuttosto lenti. Valutazione: 2/5;
  • Piacevole conferma è stato Un matrimonio…

View original post 184 altre parole

Anziani e Truffe

Il Comune di Bologna con CISL,CGIL,UIL Pensionati ,Associazioni Anteas, Rivivere, S. Bernardo ha attivato un progetto di CONSIGLI, NUMERI UTILI, SERVIZI e SUPPORTO PSICOLOGICO per contrastare le truffe agli anziani, anche on line in crescita in quest’ultimo periodo di covid .

L’area Supporto Psicologico sarà curata da me per Associazione Anteas e dalla dr.ssa Bonarelli, per Associazione Rivivere.

Di seguito alcune informazioni utili per fruire i servizi

Anziani e Truffe

Il Comune di Bologna con CISL,CGIL,UIL Pensionati ,Associazioni Anteas, Rivivere, S. Bernardo ha attivato un progetto di CONSIGLI, NUMERI UTILI, SERVIZI e SUPPORTO PSICOLOGICO per contrastare le truffe agli anziani, anche on line in crescita in quest’ultimo periodo di covid .

L’area Supporto Psicologico sarà curata da me per Associazione Anteas e dalla dr.ssa Bonarelli, per Associazione Rivivere.