Matisse e il Jazz da guardare

Henri Matisse (1869-1954) è uno degli artisti più gioiosi di tutti i tempi. L’arte è per lui una festa di forme colorate, sintetiche e vitali. Il piacere di creare non lo abbandona neanche quando, nel 1941, subisce un delicato intervento chirurgico per via di un tumore intestinale che lo costringe in sedia a rotelle mentre l’artrosi gli impedisce di usare il pennello.
È così che inventa i papiers découpés (letteralmente carte ritagliate), immagini ottenute tagliando con le forbici la carta precedentemente colorata a tempera dalla sua assistente.

Ne escono fuori i cosiddetti “cut-out”, sagome monocromatiche estremamente essenziali.

Con questi ritagli Matisse realizza tra il 1944 e il 1947 un intero libro di 150 pagine che intitola Jazz. Al suo interno le pagine scritte a mano col pennello si alternano a 20 litografie ricavate dai suoi cut-out e ispirate ai suoi viaggi, al circo  e ai racconti popolari.

Il titolo del libro fa riferimento all’idea di improvvisazione tipica della musica jazz con cui Matisse ha concepito l’opera: un “concerto” per forme e colori che passa dal “pianissimo” delle pagine scritte al “fortissimo” delle figure.

Non era la prima volta che un artista cercava di esprimere le sensazioni ritmiche e sonore prodotte dalla musica attraverso le immagini. Ci aveva già provato Kandinsky che aveva teorizzato precise relazioni tra colori, suoni e sensazioni.
Matisse, invece, non cerca regole razionali ma si lascia guidare dal suo istinto muovendo le forbici con destrezza e accostando tra loro i ritagli. “Il jazz è ritmo e significato”, dice il pittore. È qualcosa che si sente dentro e sgorga in modo spontaneo producendo armonia.

(Emanuela Pulvirenti )

La ricerca mostra gli effetti antidolorifici del CBD: il CBD non sembra ridurre l’intensità del dolore sperimentale, ma rende l’esperienza del dolore meno spiacevole.

È stato salutato come una droga miracolosa e sta sicuramente creando profitti miracolosi. Secondo alcune stime, il mercato del cannabidiolo (o CBD) potrebbe valere 20 miliardi di dollari entro il 2024. Mentre gli utenti ne pubblicizzano l’efficacia nell’alleviare il dolore, fino ad ora c’è stata una limitata ricerca sperimentale sull’uomo sull’effettiva efficacia del farmaco.

Tuttavia, un nuovo studio condotto dai ricercatori della Syracuse University fa luce sulla capacità del CBD di ridurre il dolore insieme all’impatto che il cosiddetto effetto placebo può avere sugli esiti del dolore.

“Per la scienza e il pubblico in generale la domanda è rimasta, è il sollievo dal dolore che gli utenti di CBD affermano di provare a causa degli effetti farmacologici o degli effetti placebo”, ha chiesto Martin De Vita, un ricercatore del dipartimento di psicologia del College of Arts and Sciences della Syracuse University .

“Questa è una domanda giusta, perché sappiamo che semplicemente dire a qualcuno che una sostanza ha la capacità di alleviare il dolore può effettivamente causare forti cambiamenti nella sua sensibilità al dolore. Questi sono chiamati effetti di aspettativa. “

De Vita, insieme al professor Stephen Maisto di psicologia emerito di Siracusa, erano preparati in modo unico a rispondere a quella domanda esatta. La coppia, insieme al collega membro del laboratorio e candidato al dottorato Dezarie Moskal, aveva precedentemente condotto la prima revisione sistematica e meta-analisi della ricerca sperimentale esaminando gli effetti dei farmaci cannabinoidi sul dolore.

Come primo studio sperimentale sul dolore ad esaminare il CBD, il loro studio ha prodotto risultati coerenti e degni di nota.

Tra le altre scoperte, i dati hanno mostrato che il CBD e le aspettative di ricevere CBD non sembrano ridurre l’intensità del dolore sperimentale, ma rendono il dolore meno sgradevole.

De Vita e Maisto hanno utilizzato apparecchiature sofisticate che inducono in modo sicuro dolore da calore sperimentale, consentendo loro di misurare il modo in cui il sistema nervoso del ricevente reagisce e risponde ad esso.

“Quindi somministriamo un farmaco, come il CBD puro, o un placebo e poi rivalutiamo le loro risposte al dolore e vediamo come cambiano in base a quale sostanza è stata somministrata”, ha detto De Vita

I ricercatori hanno quindi fatto un ulteriore passo avanti manipolando le informazioni fornite ai partecipanti sulle sostanze che hanno ricevuto.

In alcuni casi, ai partecipanti è stato detto che avevano il CBD quando avevano effettivamente ricevuto un placebo, o che avrebbero ricevuto un placebo quando avevano effettivamente preso il CBD.

“In questo modo potevamo analizzare se era il farmaco ad alleviare il dolore o se era l’aspettativa di aver ricevuto il farmaco a ridurre il dolore”, secondo De Vita.

“Abbiamo ipotizzato di rilevare principalmente l’analgesia placebo indotta dall’aspettativa (sollievo dal dolore). Quello che abbiamo scoperto dopo aver misurato diversi risultati del dolore è che in realtà è un po ‘entrambi. Cioè, abbiamo riscontrato miglioramenti nelle misure del dolore causati dagli effetti farmacologici del CBD e dagli effetti psicologici del solo aspettarsi di aver assunto il CBD. È stato davvero notevole e sorprendente. “

“I dati sono entusiasmanti ma piuttosto complessi in quanto le diverse misure del dolore hanno risposto in modo diverso all’effetto del farmaco, all’aspettativa, o sia il farmaco che l’aspettativa combinati, quindi stiamo ancora cercando di capire cosa c’è dietro i dati differenziali con tipi diversi di misure del dolore “, ha detto Maisto.

“Il passo successivo è studiare i meccanismi alla base di questi risultati e capire perché dare istruzioni o il CBD stesso provoca determinate reazioni a uno stimolo doloroso”.

La maggior parte delle persone pensa al dolore come a un interruttore di accensione e spegnimento, lo hai o non lo fai. Ma il dolore, come lo descrive De Vita, è un fenomeno complesso con diverse dimensioni influenzate da fattori psicologici e biologici. Ad esempio, mentre l’intensità del dolore riflette una dimensione “sensoriale” del dolore, la spiacevolezza rappresenta un aspetto “affettivo” o emotivo del dolore.

“Se pensi al dolore come al rumore nocivo proveniente da una radio, il volume può rappresentare l’intensità del dolore, mentre la stazione può rappresentare la qualità”, ha detto De Vita. I risultati del suo studio precedente hanno mostrato che mentre i farmaci cannabinoidi non stavano riducendo il volume del dolore, stavano “cambiando il canale rendendolo un po ‘meno sgradevole”.

Secondo De Vita, “Non è piacevole il sole e gli arcobaleni, ma qualcosa di leggermente meno fastidioso. Lo abbiamo replicato in questo studio e abbiamo scoperto che il CBD e le aspettative non riducevano in modo significativo il volume del dolore, ma lo rendevano meno sgradevole, non li infastidiva più di tanto “.

Come parte dello studio, De Vita e Maisto hanno sviluppato protocolli sperimentali avanzati di misurazione del dolore “per aprire il cofano e iniziare a guardare alcuni di questi altri processi meccanicistici del dolore”, ha detto De Vita.

“Non è solo dolore, sì o no, ma ci sono queste altre dimensioni del dolore, e sarebbe interessante vedere quali vengono presi di mira. Abbiamo scoperto che a volte gli effetti farmacologici del CBD hanno ridotto alcuni di questi, ma le aspettative no. A volte lo facevano entrambi. A volte era solo l’aspettativa. E così, ci stavamo addentrando pensando che stavamo per rilevare principalmente il sollievo dal dolore indotto dall’aspettativa, ma quello che abbiamo scoperto era molto più complesso di quello e questo è eccitante “.

Una nota importante da considerare è anche la fonte del CBD. “Quello che abbiamo usato nel nostro studio era olio puro di isolato di CBD”, ha detto De Vita.Guarda anche


” Gli effetti del cannabidiolo e delle aspettative analgesiche sulla reattività sperimentale al dolore in adulti sani: uno studio di design con placebo bilanciato( ” di Martin J. De Vita et al. Psicofarmacologia sperimentale e clinica)

Arte Terapia al Dipartimento di Neuroscienze, riabilitazione, oftalmologia, genetica e scienze materno infantili Università di Genova

Arteterapia, il metodo che coadiuva il percorso riabilitativo

Sedersi intorno a un grande tavolo e utilizzare il linguaggio delle immagini come tramite nella relazione tra il paziente e il mondo che lo circonda.

Questo lo strumento fondamentale in Arteterapia, metodo che coadiuva il percorso riabilitativo, finalizzato ad agevolare, dopo la fase di cura, il mantenimento dei progressi raggiunti dalla persona e a stabilizzarne l’avvenuta guarigione.

Lavorare con la parte sana del paziente o, quantomeno, con quella meno compromessa, incrementando l’autostima e agevolando l’interrelazione con gli altri e con il mondo esterno, per arrivare a una miglior consapevolezza di sé.

Ogni mattina, nel reparto uomini dell’Unità Operativa Clinica Psichiatrica dell’Istituto, diretta da Mario Amore, si svolge un incontro di Arteterapia, a cui partecipano, sia spontaneamente che su invito dei Medici, degenti che già hanno posto in essere il percorso di cura.

In un locale dotato del materiale artistico necessario e di un lettore CD che propaga musica di sottofondo, i pazienti hanno a disposizione circa un’ora e mezza per realizzare i propri lavori, interagendo tra loro e con un’infermiera dedicata, in possesso di formazione specifica, che guida e coordina la seduta.

Un momento rivolto alla persona, il cui scopo non è fare a gara, con altri o con sé stessi, nel produrre belle immagini, ma fermare i pensieri e mantener calma, per quanto possibile, la mente.

L’idea, maturata nell’ambito di una visione più ampia del concetto generale di cura, è nata dallo stesso Direttore della struttura ed è stata rafforzata dal supporto del Coordinatore Infermieristico e da tutto il personale, oltre che, occasionalmente, da figure professionali in formazione come tecnici della riabilitazione psichiatrica e psicologi.

Una sinergia che permette di offrire ai pazienti una positiva presa in carico, una migliore accoglienza e importanti momenti di ascolto e di cura.

L’assistenza agli anziani in Finlandia trova soluzioni nel digitale

LA PANDEMIA DI CORONAVIRUS HA ACCELERATO LA NECESSITÀ DI METTERE IN GIOCO INTEGRATORI DIGITALI NELL’ASSISTENZA AGLI ANZIANI PER FORNIRE UNA CONNESSIONE UMANA E UN INVECCHIAMENTO ATTIVO E MANTENERE LE PROMESSE DELLO STATO SOCIALE.

Alla base del modello di welfare state nordico c’è un contratto sociale che garantisce la parità di condizioni nella vita, una rete di sicurezza quando il gioco si fa duro e una vecchiaia dignitosa. Il modello è stato oggetto di elogi quasi universali, ma negli ultimi tempi ha anche affrontato alcune questioni difficili.

In Finlandia, un dilemma chiave riguarda le generazioni che invecchiano che vivono più a lungo e aggiungono pressione su un sistema che è sostenuto da una base più snella di contribuenti. La Finlandia ha la seconda popolazione più anziana del mondo, appena davanti all’Italia ma dietro al Giappone.

La pandemia COVID-19 ha messo sottosopra la maggior parte della società, limitando la quotidianità di tutti, ma colpendo più duramente gli anziani. Gli anziani costituiscono la maggior parte dei dati demografici a rischio in tutto il mondo e sono stati soggetti a ulteriori restrizioni.

“Ma qual è il prezzo di limitare l’attività degli anziani?” chiede Sandra Lounamaa , cofondatrice e CEO della startup di servizi per anziani Gubbe .

Lounamaa si pone la domanda da un po ‘di tempo, ma risponde anche fondando Gubbe nel 2018 con Meri-Tuuli Laaksonen . La startup ha sviluppato una piattaforma online che offre servizi di assistenza domiciliare agli anziani, dando lavoro ai giovani e attivando gli anziani.

“Il sistema finlandese di assistenza agli anziani funziona e le persone si aspettano di esserne coperti”, spiega Lounamaa. “Ma il sistema tratta solo la malattia e non può sempre fornire un’interazione di persona significativa per gli anziani”.

Con l’avanzare dell’età, le nostre necessità essenziali diventano molto più evidenti e l’interazione sociale regolare è forse una delle cose più importanti che mantiene la nostra mente attiva e il nostro cuore pieno di scopo.Donna che fa le consegne

Gubbe ha adattato il suo approccio durante la pandemia. 

“Incoraggiando l’invecchiamento attivo con un amico fidato, o Gubbe , offriamo agli anziani una connessione umana affidabile e aiutiamo con la routine quotidiana, che si tratti di fare esercizio o pulire la casa”.

Dopo ogni visita, il Gubbe aggiorna l’app della startup sugli eventi della giornata e sulle condizioni della persona anziana, dando tranquillità e forse anche incoraggiando una maggiore comunicazione da parte dei parenti.

“Il feedback degli anziani, delle famiglie e degli studenti è stato straordinario”, continua Lounamaa.

“Sono nate nuove amicizie e i parenti si sentono meglio sapendo che c’è una persona fidata su cui i loro cari possono contare nella loro vita quotidiana”.

Buon business

Il valore orientato allo scopo della startup non è passato inosservato agli investitori. Gubbe ha raccolto 300.000 euro di finanziamenti durante l’epidemia di COVID-19 da investitori che contano sulla visione della startup per offrire a ogni senior finlandese di età superiore ai 75 anni che vive da solo il proprio Gubbe personale entro cinque anni.

Il team di Lounamaa si è dimostrato resiliente quando la crisi ha colpito, creando rapidamente un’alternativa al loro core business in declino attingendo al mercato delle consegne di generi alimentari per compensare alcuni dei danni immediati alle loro operazioni.

Mentre le restrizioni sembrano allentarsi in Finlandia, le lezioni della pandemia stanno diventando chiare.

“Per noi la crisi ha effettivamente evidenziato la necessità del nostro servizio”, dice Lounamaa. “Abbiamo assistito a un significativo deterioramento del benessere dei nostri clienti durante il blocco e sembra che ora potremmo avere un problema ancora più grande tra le mani rispetto a prima della pandemia”.

Gubbe è stato in grado di riprendersi e continua le sue operazioni osservando l’allontanamento sociale e altre misure igieniche quando visita i suoi clienti.

uomo anziano e accompagnatore

(Samuli Ojala)

La resilienza nei bambini

La resilienza aiuta a trasformare un fallimento in opportunità.

Data l’importanza della resilienza nella vita dei bambini, cerchiamo di capire come sostenerla o coltivarla. L’American Psychological Association (APA) ha stilato un serie di 10 consigli che possono essere utili ai genitori, che non consistono tanto in un indottrinamento, ma nella creazione di uno stile di vita improntato alla resilienza.

Eccoli qui di seguito:

  1. Creare dei legami: incoraggiare il bambino a creare dei legami e a sviluppare empatia per gli altri invece di mettersi in competizione.
  2. Aiutare il bambino ad avere un atteggiamento di aiuto: il bambino che si sente da solo può comprendere come chiedere aiuti offrendosi lui stesso come appoggio agli altri.
  3. Routine giornaliera: una routine aiuta a sentirsi padrone del tempo e delle proprie attività
  4. Prendersi una pausa: in una routine il prendersi una pausa diventa un modo per evitare di essere sempre troppo preoccupati che le cose “vadano per il verso giusto”. Ogni tanto occorre concedersi un pò di tempo libero.
  5. Insegnare a prendersi cura di sè: i bambini devono imparare gli impegni, ma anche il relax e il tempo libero da autogestirsi.
  6. Pensare a degli obiettivi: è utile stabilire delle tappe che però siano adeguate all’età e alle capacità personali.
  7. Nutrire una visione positiva di sé: sottolineare come si è riusciti a superare gli ostacoli e le sfide per aiutarlo a non abbattersi davanti a quelle future.
  8. Offrire una prospettiva: i bambini non riescono ancora ad inquadrare i comportamenti e gli avvenimenti in una prospettiva a lungo termine.
  9. Auto-conoscenza: nelle piccole avversità i bambini scoprono molto di loro stessi, si può aiutarli a comprendere come sono cambiati.
  10. Accettare il cambiamento come parte della vita: i cambiamenti spaventano, occorre aiutare i bambini a vederli come opportunità per crescere e sperimentarsi in qualcosa di nuovo.

ARTE TERAPIA : sopravvivere ai disastri

L’arte terapia è un campo in crescita del trattamento della salute mentale che utilizza l’arte come forma di comunicazione illustrativa. L’approccio si basa sulla convinzione che il processo creativo, agendo come una forma di espressione subconscia, possa aiutare a identificare i conflitti interiori, generare autostima e consapevolezza di sé, ridurre lo stress e ricostruire un senso fisico, emotivo e sociale generale di benessere. Si ritiene che l’arteterapia sia particolarmente preziosa per il trattamento dei bambini, che spesso mancano delle capacità sociali o verbali per esprimere i propri pensieri ed emozioni, in particolare quando hanno subito un trauma.

Storia e principi

Il campo della terapia artistica è stato sviluppato nel corso degli anni Quaranta e Cinquanta grazie all’impegno di pochi teorici che lavoravano indipendentemente l’uno dall’altro. La psicoterapeuta ed educatrice Margaret Naumburg ha aperto la strada al suo utilizzo con i pazienti psichiatrici e ha pubblicato vari lavori sull’argomento, tra cui Studi sull’espressione  artistica “libera” del problema comportamentale Bambini e adolescenti come mezzo di diagnosi e terapia  (1947) e  Arte schizofrenica: il suo significato in psicoterapia (1950). Naumburg si è basato sull’analisi di Sigmund Freud dell’immaginario del sogno come presenza del sé inconscio. Freud ha scritto: “Lo sperimentiamo [un sogno] prevalentemente in immagini visive…. Parte della difficoltà di rendere conto dei sogni è dovuta al fatto che dobbiamo tradurre queste immagini in parole ”[1]. I metodi psicoterapeutici di Freud si basavano sulla libera associazione e sull’idea di “catarsi”, durante la quale l’inconscio si rivela al conscio. Naumburg vedeva l’arte come in grado di connettere questi due, diventando una finestra all’interno del sé che avrebbe permesso al conscio di “ascoltare” l’inconscio. Questo è il principio alla base dell’arteterapia: l’idea di “disegnare dall’interno” [2].

Pochi anni dopo Naumburg, Edith Kramer emerse sulla scena dell’arte terapia. Kramer, un artista che fuggì da Praga prima della prima guerra mondiale, insegnò lezioni d’arte ai bambini rifugiati della Germania nazista. Sentiva che la creatività coinvolta nella produzione d’arte aveva il potenziale per guarire consentendo il trasferimento di alcuni impulsi ed emozioni nelle immagini [3]. Quando Kramer arrivò negli Stati Uniti nel 1951, lavorava come arteterapeuta con i bambini a Wiltwyck, una scuola residenziale per bambini mentalmente disturbati a New York City. Mentre la teoria di Naumburg si concentrava sull’idea di rendere conscio l’inconscio attraverso l’arte, Kramer enfatizzava il potenziale di guarigione del processo creativo stesso [3, 4]. I metodi di Naumburg riflettevano il suo ruolo di medico primario, mentre le teorie di Kramer erano più definite dal suo status di terapista aggiunto [4].

L’arteterapia ha tre principali vantaggi per il paziente: (1) coinvolge il corpo fisico nel rilassamento attraverso la manipolazione di materiali artistici, (2) consente al paziente di impegnarsi in un esercizio introspettivo personalizzato in cui il processo e il prodotto finito diventano ” contenitore simbolico di ricordi traumatici ”[5], e (3) permette la riflessione cognitiva attraverso la discussione dell’opera d’arte [5]. Quest’ultima componente, in particolare, migliora la relazione terapeuta-paziente. Il processo di creazione artistica può aiutare a bypassare i centri verbali del cervello, consentendo al terapeuta di esaminare e discutere in sicurezza i pensieri manifestati in modo fisico e visivo [6].

Nel 1971, il pediatra britannico Donald Winnicot ha esplorato l’arte come un potenziale strumento per avviare la comunicazione tra bambino e terapeuta [3]. Ha sviluppato una tecnica in cui il bambino e il terapeuta lavorano insieme, che ha chiamato “il gioco degli scarabocchi” [3]. In questa tecnica, il terapista disegna uno scarabocchio su un foglio bianco, quindi il bambino aggiunge uno scarabocchio, seguito da un terzo scarabocchio e così via, fino a creare un’immagine.

Arte Terapia per i sopravvissuti ai disastri

Recentemente, un numero crescente di sopravvissuti ai disastri pediatrici è stato trattato con l’arte terapia. Il Child Study Center della NYU incoraggia e insegna ai genitori e ai tutori a usare l’arte come mezzo di comunicazione con i bambini dopo un evento stressante, avviando la conversazione, ad esempio, chiedendo informazioni sugli elementi formali dell’opera d’arte, come l’uso del colore o delle forme [ 7]. In seguito alla devastazione della costa del Golfo durante gli uragani Katrina e Rita, la Hyogo-NOMA Art Therapy Initiative ha fornito terapia artistica settimanale a oltre 250 bambini delle scuole pubbliche di New Orleans che altrimenti non avrebbero avuto accesso alle cure per la salute mentale. La terapista, Holly Wherry, MAAT, ha scelto l’ambiente scolastico in modo che i bambini potessero rimanere in un ambiente familiare e confortevole con un sistema di supporto integrato.

Rebekah Chilcote, una studentessa laureata in arteterapia all’epoca dello tsunami del 2004 in Sri Lanka, ha usato l’arteterapia per lavorare con 113 ragazze sopravvissute di età compresa tra 5 e 13 anni, selezionate dai loro insegnanti come quelle che mostravano i sintomi più acuti di dolore e trauma [8]. I bambini sono stati divisi in gruppi appropriati all’età di circa 10 ciascuno, che si sono incontrati una volta alla settimana per un mese. Chilcote ha spinto le ragazze ad esprimersi artisticamente su un determinato argomento (ad esempio, “la mia vita, me stesso” e “il giorno che non dimenticherò mai”) ​​e quindi presentare le loro opere d’arte al gruppo [8]. Chilcote ha concluso che l’arte è un intervento efficace e psicologicamente benefico per i bambini che hanno subito un trauma psicologico significativo e uno che può essere somministrato in modo interculturale [8].

L’ICAF, o International Child Art Foundation, fondata nel 1997, è una forza importante nel campo della terapia artistica in tutto il mondo. In seguito alla tragedia americana dell’11 settembre 2001, l’ICAF, in collaborazione con psichiatri e psicologi, ha chiesto ai bambini di usare la loro creatività per ridurre la trasmissione transgenerazionale di traumi e odio producendo una visione di pacifica convivenza [9].

Arte Terapia e trauma

Si è scoperto che l’arte è uno strumento particolarmente efficace per lavorare con adulti e bambini che affrontano un trauma. Un’esperienza traumatica può portare a un disturbo da stress acuto (ASD, ansia o dissociazione che dura per alcuni giorni o settimane dopo un fattore di stress) e disturbo da stress post-traumatico (PTSD, una costellazione più duratura di sintomi simili). In uno studio, i pazienti pediatrici affetti da ASD dopo abuso sessuale che sono stati trattati con arteterapia hanno mostrato una significativa riduzione dei sintomi [5]. Altre situazioni in cui i bambini sono trattati con l’arte terapia sono quelle associate a gravi malattie o lesioni, inclusi cancro, malattie renali, disturbi del dolore cronico e gravi ustioni.

L’esperienza traumatica è stata descritta come un duplice evento, soprattutto per i bambini. Il sé si dissocia durante il trauma, creando una frattura tra la consapevolezza cosciente tollerabile dell’evento e l’intollerabile memoria emotiva dell’evento che è nascosta nell’inconscio [6]. L’energia fisica, emotiva e mentale viene impiegata per mantenere le emozioni difficili lontane dalla mente cosciente. La neuroimaging mostra dissociazione (che si manifesta, ad esempio, come amnesia, depersonalizzazione, distacco emotivo e de-realizzazione) quando si tenta il richiamo di eventi traumatici. La corteccia frontale sinistra, in particolare l’area di Broca (responsabile della parola), rimane inattiva, mentre l’emisfero destro, in particolare la regione intorno all’amigdala, associata all’eccitazione emotiva e automatica, è particolarmente attivo [10].

I ricordi traumatici sembrano attecchire non nelle parti verbali e analitiche del cervello ma nelle regioni non verbali del sistema limbico, da cui la cognizione è in qualche modo distaccata (e che, postula Babette Rothschild, può fornire una sorta di collegamento con la mente inconscia ) [10]. Ciò compromette la capacità dei pazienti di comunicare con se stessi o con gli altri riguardo alle proprie esperienze [10]. I bambini possono essere ulteriormente limitati dalle abilità linguistiche ancora in via di sviluppo, il che rende le modalità di espressione non verbali, come l’arte, strumenti formidabili per il trattamento.

(Sadia Hussain, MD,  State University of New York (SUNY) Downstate / Kings County Hospital Center di Brooklyn.