Alzheimer, il metodo che aiuta il caregiver a “pensare positivo”

dimensioneC

ASSISTERE un genitore, un parente o un amico affetto da demenza, come l’Alzheimer, non è affatto semplice, soprattutto da un punto di vista psicologico. I caregiver (chi si prende cura regolarmente di una persona malata o disabile) lamentano spesso un elevato carico di stress emotivo che li espone a un maggior rischio di soffrire di ansia e depressione. Nella speranza di ridurre questi disturbi e sentimenti negativi, i ricercatori della Northwestern University, in collaborazione con la University of California di San Francisco, hanno appena ideato un nuovo metodo per insegnare ai caregiver come concentrarsi sulle proprie emozioni positive e affrontare al meglio gli aspetti più stressanti del dedicarsi alla cura di un familiare ammalato. E il loro studio, stato appena pubblicato su Health Psychology, ne descrive l’efficacia.

Leggi -Caregiver, 8 ore al giorno dedicate ai malati

Ansia e depressione

Nella ricerca, gli scienziati hanno messo in…

View original post 469 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...