Il senso del viaggio in una “città eterna”

dimensioneC

Spostarsi
nel mondo per guardare la buccia delle cose non vale il prezzo del biglietto
nemmeno nell’epoca dei voli a basso costo. La buccia dei monumenti la si può
guardare benissimo da casa, comodamente seduti davanti alla Tv o al computer.
Perché valga la pena di spostarsi, arrivare in un posto lontano, vedere – e non
solo guardare – quello che c’è da vedere, il viaggio va fatto in altro modo. La
«semplice occhiata» di cui scrive Vargas Llosa non basta. È necessario sapere
che cosa si ha di fronte: non solo qualche data e i nomi ma le circostanze, gli
avvenimenti, le persone, i mutamenti.

Tanto piú se
si tratta di visitare lo straordinario contenitore di storia e di storie
rappresentato da una città, una qualunque grande città, ma Roma, Gerusalemme e
Istanbul in modo particolare. Perché Istanbul, come le altre due, è «città
eterna», prodigiosa, che ha scavalcato…

View original post 261 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...